Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-antonio-basili/poesia-di-tony-basili-la-guida.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktYW50b25pby1iYXNpbGkvcG9lc2lhLWRpLXRvbnktYmFzaWxpLWxhLWd1aWRhLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Tony Basili
     
    La guida

    Son poeta ed a scriver presi gusto
    Di quel birbante profugo da Troia
    Che venne qui poi che fu combusto
    D’Ilio il pennone che fruttò la gloria
    A tanti eroi che oltre l’Acheronte
    Incontrerai se non ne avrai noia.
    Se tu dunque allora quella fonte
    Che produsse sì grande fiume
    Che germogliare fece l’orizzonte?
    Sei dunque tu il mio solo nume
    Cui lo studio diressi e tutto l’amore
    Che offrì a me col suo grande acume
    Quel che non trovai in alcun autore ?
    Sei tu dunque dal quale solo ebbi
    La costruzione del dir e il suo colore
    Che assiduo lessi e d’esso crebbi
    E che mi fruttò questo bel viaggio
    Non certo da far se sol zappi e trebbi.
    Tu per me sei.. sei… un grande saggio!
    E così dicendo lacrimar mi vide
    Su per quel lido livido e selvaggio
    Tra quella gente che tribola tra gride
    E si contorce tutta nelle membra
    e tra pianti e vaffa mugolando stride.
    -Certo son io e pur come ti sembra
    Omo fui certo, ma non più lo sono,
    ché la chiave che tutto quanto stempra
    mi portò in un posto ove pioggia e tuono
    mai il ciel sconvolgono e tingon di grigio
    e non alita che’armonia di suono,
    e ivi giunsi, perché sempre fui ligio
    all'amor divino che sempre mi pervase
    e sto nel limbo come un micio bigio.
    Ma sarò pur io a condurti per il monte
    Come si vuole colà ove si puote
    Ogni cosa e di tutto è pur la fonte
    E nel salire vedrai come le scote
    Tutte le anime che son ivi dolenti,
    Chè la natura col karma le percote
    E tra di esse vedrai pur belle menti
    Che non ebbero però tanto pudore
    a pentirsi o spirti furono lenti
    E accompagnerò te con tutto l’ amore
    Che mi spira il ciel ritenendo saggio
    Che tu compia, senza subir dolore,
    Tale percorso di cui vol farti omaggio
    Il dio del ciel che a mover tutte le rote
    un po’ di strizza a te vuol dar per saggio!

    20.9.18

    Commenti

    Potrebbero interessarti