Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Tony Basili
Il mio colle

Io sono quei che nasce da quel colle,
che anzi s'erge in "monte" da quel piano,
del Cavaliere, dalla terra molle,
dal il Turano, che nasce non lontano,
in una verde forra della Portella,
ove Orlando, con Bovo il marsicano,
con gran fendenti fu ad aprir la cella
per bloccare il razziator pagano;
e tanto dura fu quella procella
che una selva lacerò, brano a brano,
come neve, che dall'alto, in freddo mese,
 si sloppa a nappe con un tonfo arcano.
Di passaggio, pur sono in questo paese,
ché, poi che fu svanito il sortilegio,
dal Tevere raggiunsi con pretese,
vane, di recarvi un qualche pregio,
m'infinsi di curar le comun doglie
causate dai cercator di privilegio.
Ma presto scorsi astute e losche voglie
Di misurare con me la lor iattanza
Che ebbi a temer per le mie spoglie!
Or lo studio dosato con riluttanza
Ché scordar dovevo, per esser capito
E non recare oltraggio all'ignoranza;
or l'impegno, mai meno che ardito,
per ricordare il come e il quanto speso
per favorire sol chi è del partito.
A volte in consiglio fui come sospeso,
ed ognuno mi vedeva come il fume,
tramando pur a portarmi fuor di peso,
e con la tracotanza d'uso al malcostume
tenevano la greppia con affanno
dove poter pascer il pecorume
di gente gelosa di quant' altri fanno
sì che in comune, si fecero un capanno!!
Cittadino, se ti resta un po' di lume,
tornare devi nel luogo ove lo scanno
viene usato come fatto di costume,
e lo scranno, ad un passo dal decesso,
infine  viene usato come un cesso.

11/99

Commenti

Potrebbero interessarti