Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-antonio-basili/poesia-di-tony-basili-a-glju-cummune-ce-stemu-nui.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktYW50b25pby1iYXNpbGkvcG9lc2lhLWRpLXRvbnktYmFzaWxpLWEtZ2xqdS1jdW1tdW5lLWNlLXN0ZW11LW51aS5odG1s
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Tony Basili
    A glju cummune ce stemu nui

    Per capir del grande danno comune,
    la mattina stai a veder quei che ci vanno:
    un’orda di parentume di quei che sanno
    ragliare o predar senza tema, impune.

    E se vedi un LSU dar di pennello,
    impari come si fa una ringhiera,
    un metro al giorno, fino alla sera,
    guadagni bene e non sforzi il cervello.

    “Salta chi pò” esclama quel beota
    dell’assessor che fé “ce semo nui!”
    tra poco saranno proprio “ cazzi tui”,
    come da ragazzo, a spalar la mota.

    8/98

    Commenti

    Potrebbero interessarti