Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Morte del re. La ripetition! (21.1.1793)
di Tony Basili

Due secoli fa, proprio in questo giorno,
Accadde un fatto che segnò il confine
Tra il vecchio e il nuovo, e fu senza ritorno,
perché il vecchio sistema ebbe la fine
per dei sans culottes, o gilets, assai strana
con cui si istituì la democrazia sovrana.
Il popolo langue, ma non già la corte
Che di vitalizi vive e di soprusi,
ma colpa ne ha la sinistra che dà man forte
Che pare servire il re, ma per i suoi usi,
ed un tal giorno la folla è tanto grossa,
qualcun l’aizza e va alla riscossa.
Il re se la ride, non crede alla sommossa,
ma un valletto :”Sire, è la revolution!”
ma il significato non gli dà una mossa
e la nobiltà poi  ha una tal scarsa cognition,
“Non se ne curi, Sire, ché questa gente,
senza di noi non sa fare niente!”
Allor la folla assale tutto ciò ch’è bianco,
I loro colori, nobile e clero, ogni potestà,
Che presa ed uccisa o posta avanti al banco,
incredula pensa,” ma qui che si vorrà?”
ma il popolo chiede dei nobili la testa
e tutti quanti partecipano alla festa.
Si prende il re, che non crede a tanto
Possa arrivare la folla inferocita,
Poi incomincia ad invocar qualche santo
Che impietosito gli salvi la vita,
ma la folla è inquieta e il sangue vuole
e se ne sparge, ma poi è quel che suole!
7.12.2018 (mi è capitata per caso, ma scritta da tempo. Chissà?)