Poesia di Antonino Isgrò - La musica del mare
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Antonino Isgrò 
La musica del mare 

Il tramonto da lontano

tatuava il pentagramma,

bello e magico spiccava

nell'azzurra acqua,

 

le onde battevan il tempo,

come un bambino

nella banda del paese

con il suo tamburello.

 

Le conchiglie eran state invitate,

sedute sul pentagramma 

non vedevan l'ora d'iniziare,

lor eran le note, 

nel tramonto brillavan 

come stelle di notte.

 

I gabbiani scaldavan la voce,

volavan in alto per veder le note.

 

Finalmente arrivan i quattro venti,

esperti soffian sulle conchiglie

dando vita a magici strumenti.

 

 La musica rapisce l'orizzonte,

il sole diventa rosso nell'esprimere

tutta la sua emozione.

 

La melodia entra nei cuori,

li fa innamorare 

in infiniti amori,

unici e preziosi

come il mare

e i suoi tesori.

Leggi le più belle Poesie di Antonino Isgrò

Commenti

Potrebbero interessarti