Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-antonia-arcuri/poesia-di-antonia-arcuri-oltre-la-forma.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktYW50b25pYS1hcmN1cmkvcG9lc2lhLWRpLWFudG9uaWEtYXJjdXJpLW9sdHJlLWxhLWZvcm1hLmh0bWw=
    it-IT

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
     

    Poesia di Antonia Arcuri 
    Oltre la forma

    Vorrei che la mia mente

    creasse imminente un sogno

    ritagliando dal caos delle forme

    falci di luna pastello

    vele al riparo

    dall'ombra malevola

    quella di ognuno, nessuno escluso.

    Ho la sensazione spesso di abitare

    periferie vuote

    con discariche indiscriminate

    che m'inquietano il cuore.

    Stati autistici della mente

    dai bordi impermeabili dove

    i suoni giocano a nascondersi.

    Può aprire varchi amabili

    un suono

    con archi acustici di relazione.

    Io sono te

    drago e serpente che tintinna

    tu sei me

    rosa e loto che profuma.

    Nel tuo giardino divoro e anniento

    a piacimento nel mio

    riparo i cocci per la curcuma.

    C'è un albero nei due giardini

    che possiamo mantenere in vita?

    Li vorrei salvare tutti gli alberi

    assaporando i frutti  della conoscenza.

    Commenti

    Potrebbero interessarti