Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 Poesia di Angelo Michele Cozza 
Scrimoli 

Ammutoliti, come chi più nulla abbia da dirsi,
sottobraccio procediamo per un’andana
spruzzata di foglie imbrunite.
Folate ci agitano i capelli
algenti frustano i pallenti volti.
Di un dramma l’ultimo atto si rappresenta:
noi attori; il cuore spettatore.
Domani brucerà in un lampo la nostra fiaba,
un distacco, ferirà a morte le nostre vite.
Mi lascerai amore!
Rinsecchiti i filari delle fiorite speranze
raffica più impetuosa disperderà
tra spine il nostro vissuto da screzi lacerato.
Avvisaglie non sono mancate:
i nostri spropositi, la stanchezza
per l’attesa di un miracolo
replicatosi tante volte,
il lascito di giorni senza apoteosi.
Quando ne avrai abbastanza di ricordi
e rasserenato l’animo avrà ritrovato
altri volteggi, non più combattuta
da rimorso o rancura, che han pur ragione,
nuovi desideri e abbrivi di amore
accenderànno i tuoi occhi spenti.
Quel giorno, non accarezzerai l’anello
che oggi poco orgogliosa ancora porti al dito.
E’ atroce dirlo ma nulla dura più a lungo
dell’attimo che ti stringo, del frangente
in cui il ramo s’infiora al primo raggio di sole.
Sfioccato dal tempo precipita
ogni futuro di cui ignoriamo il gioco;
come si salifica, e Dio solo sa se vorremmo,
l’ultima goccia di dolce che fluisce in noi.
Se un illusione non verrà a sorreggermi
non un luccichio rimarrà nella mia foschia;
tra te e me, il nulla, gettato sarà da un addio;
piagata, domani o altro giorno temuto
tra spasimi, si contorceranno solitarie due vite.

Potrebbero interessarti