Poesia di Angelo Michele Cozza  Me ne voglio i' 
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Angelo Michele Cozza 
Me ne voglio i' 

'A vita s'è tutta scarrupàta
a cchiù nun dico
saglie e cresce a mala salute
spànteco e dulore
s'appresentano a tutte ll'ore.

'O tiempo cchiù me ncurva
spalle vraccio e cosce
meneno strille 'e pazzo,
pe' stanchezza ll'uocchie
stanno tra veglia e suonno;
dormo a surzo o quase maje
sulo ombre e male penziere
me fanno cumpagnia
quanno ricorde 'e ati tiempe
e lacreme s'arreposano;
'o core viecchio
malato e appucundruto
a parlà nun ce 'a fa cchiù.

Stu martirio a chi
e a che serve cchiù!
Morte pecché ancora
te vuò ‘ntallià cu me!?
L'ùrdema sigaretta
me l'aggio fumata,
viene nun aspettà
ca sponta juorno!
Viene sùbbeto
jammo, fa ampressa:
Morte pe' sempe
famme addurmì.

E vuje sentite buono:
'e cose stanno accussì!
Sta tutto scritto
sta tutto signato
e ce sta nu sulo finale.
Mo che chiàgnite a ffà
o facite 'a faccia appesa!
C' 'o campà e cu munno
chiurimmo tutt'e cunte
e nun ne parlammo cchiù.

Leggi le più belle Poesie di Angelo Michele Cozza

Commenti

Potrebbero interessarti