Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti
Poesia  di Angelo Amato

Offesa

Vedo volti chini

fissano la terra,

persero l'orizzonte.

Forse l'offesa li ferii

antiche lotte brusche e

paurose, crudeli indifferenze

lasciarono gocce,tracce di memoria

 corrodendo l'anima loro.

Vieni da lontanto, Offesa,

la terra ti celò nei suoi più oscuri e feroci interstizi

figlia della collera

e nipote del vecchio rancore.

In te palpita un indomito animo vendicatore,

è la vendetta... il tuo tiranno.

Accogliesti l'odio nelle tue profondità

ed è lui che guida il tuo timone.

Parti per il tuo scuro viaggio,

in ricerca mai sazia di innocenti cuori,gentili

dove affondi canini di spavento.

Germinatrice di dolori,

fabbricatrice malingna.

Tra vicende,fatti del quotidiano

t'infili,discreta e arcigna,

e sai dove

lasciare stormi di frecce coronate d'odio.

Così,mentre d'ìimprovviso

ci ricopriamo d'orgoglio di ferro,

nello sprofondare in solitari silenzi,

capiamo che tutti,

in diverse coppe,

abbiamo bevuto alla tua mensa,Offesa,

e il tuo vino

lasciò in noi

una bruciatura

aperta e amara.