Login

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesia di Andrea Zanzotto
Stereo
Ancora si gonfiano le matasse
le gran matasse d'acqua' che
sembrano dar qualcosa' da be-
  e da mangiare; / piove da tut-
te le parti / vortici e trottole di
pioggia/ che ti prendono e ti ri-
succhiano / coi loro colpi di
lingua, 'l'acqua si riprende tut-
te le sue vec"èhie strade' i suoi
pozzi ora si allattano/ e poi sa-
ran loro ad allattare -/ solo a
pensarle, queste cose / ti senti
bagnato, inzuppato' nubi, nubi
(gr.) nubi (dial.) , sospinte dai
venti / ci rincorron fin dentro il
nostro niente.

Alza, alza, natura
il tuo stereo, moltiplica i tuoi cupi
cavernosi altoparlanti,
tòn e sciantìs tuoni e saette
fischi, grattamenti
di microfoni già spenti.
Su, mettiamoci insieme
in stereo
a gridare parole
estreme Nota
tipo "Qualis artifex pereo !"
Poesia in veneto di Andrea Zanzotto
Stereo
Ancora le se sgionfa le madasse

le gran madasse de aqua
 par che le dae calcossa
da béver e da magnar;
al piof da roti i canton
sghirli e burli de piova,
che i te ciapa
e po' i te slapa
co le so slenguazhade,
l'acqua la se ciol tute
le so vece contrade,
sò pos ades i se lata
e po lori i latarà
sol che a pensarle, 'ste robe,
tu te sent bagnà, stanfà
nubi, nefélai, nèole
parade dai vent .
le ne cor drio fin drento ' l nostro gnent

Leggi le Poesie di Andrea Zanzotto

Commenti

Potrebbero interessarti