Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesia di Alfonso Gatto
Inverno a Roma

I bambini che pensano negli occhi
hanno l'inverno, il lungo inverno.
Soli s'appoggiano ai ginocchi per vedere
dentro lo sguardo illuminarsi il sole.
Di là da sé, nel cielo, le bambine
ai fili luminosi della pioggia
si toccano i capelli, vanno sole
ridendo con le labbra screpolate.
Son passate nei secoli parole
d' amore e di pietà, ma le bambine
stringendo lo scialletto vanno sole
sole nel cielo e nella pioggia.
Il tetto gocciola sugli uccelli della gronda.
 
Salerno, rima d’inverno
o dolcissimo inverno
Salerno, rima d’eterno
Salerno, rima d’inverno

Afonso Gatto insegnò materie letterarie presso il liceo artistico di Bologna ma dopo la seconda guerra mondiale riprese la professione di giornalista e di critico d'arte, ottenendo numerosi riconoscimenti e premi letterari, soprattutto per la sua delicata poesia. Tra le raccolte poetiche: La storia delle vittime Premio Viareggio 1966, Rime di viaggio per la terra dipinta 1969

Commenti

Potrebbero interessarti