Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Aldo Fabrizi
A Umberto

A Te lo devo scrive:
nun te posso invita'
e nun te posso di'
mettete a sede qua
e nun te posso manco domanda'
perché sei stato condannato a vive
lontano da la terra indo' sei nato
senza speranza de pote' torna'.

Quant'anni so'? Me pare tretntatre',
e un sacco d'esiliati
so' rientrati in Italia, meno Te.

Così diciamo sta rimpatriata
anche si nun cià gnente de reale
né un motivo de data
né un compleanno, né un anniversario,
famola talequale!

Sarà sortanto un pranzo immaginario
tra un popolano, sempre popolano,
e un Re che poveraccio è ancora Re.

Ieri Sua Santità,
tra un coro di campane e sbattimani
ha parlato de fede, de bontà, de libertà, de pace.
Ma si un cristiano nun se po' magna'
un pezzetto de pane
dove je pare e piace
mejo che a parlà de Libertà
se sonino più piano le campane.

Aldo Fabrizi, da "Nonna minestra"

Commenti

Potrebbero interessarti