Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia-frammento, di Alberto Nicola Giulini

Non temere se caducità verrà dagli occhi:

ciò che ora non sopporti

è una triste vita, fulcro d'inutili ricordi.

Non temere (se) il teschio vuoto di segatura o senza nemmeno

qualche seme di zucca,

vacuo come un vasetto di terracotta

(o di  marmellata presto terminata da sempliciotti adulti

o da vecchietti-arterio affamati come bambinelli)...









































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































un buco invaso di terra rossiccia e sabbia,

butterà fuori un giorno nuovi germogli.

 Ma per ora, qualunque viso pallido

prenderà all'improvviso

il suo spettrale sopravvento...

 Così resti sveglio infestato dai fantasmi

della tua mente contorta,

barba lunga dentro qualche atavico morbo 

come un animale in quarantena,

nel tuo mortaio di verzura

a triturarti invano.

Commenti

Potrebbero interessarti