08172017Gio
Last updateDom, 13 Ago 2017 11pm

Poesie della Befana

Poesia sulla Befana di Gioachino Belli - La viggijja de pasqua bbefania


Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

befana
Poesia sulla Befana
di Gioachino Belli
La viggijja de pasqua bbefania

La bbefana, a li fijji, è nnescessario
de fajjela domani eh sora Tolla?
In giro oggi a ccrompà cc'è ttroppa folla.
A li mii je la fo nne l' ottavario.
A cchiunque m'accosto oggi me bbolla:
e ccom'a Ssant'Ustacchio è cqui ar Zudario.
Dunque pe st' otto ggiorni io me li svario;
e a la fine, se sa, cchi vvenne, ammolla.

Azzeccatesce un po', d'un artarino .
oggi che ne chiedeveno? Otto ggnocchi;
e dd'una pupazzaccia un ber zecchino.
Mò oggnuno scerca de cacciavve l'occhi;
ma cquanno sémo ar chiude er butteghino,
la robba ve la dànno pe bbajocchi.

6 gennaio 1845

Questo sonetto è il primo di una breve serie dedicata alla festa dell'Epifania ( 6 gennaio) nota come la Befana, la vecchia a cavallo della scopa, che scendendo dal camino, porta nelle calze i giocattoli e il carbone per i bambini. 
La festa, che fonde l'antichissimo rito del ritorno dei morti e la festa cristiana dell'Epifania, segna la conclusione dell'attesa con la magica scoperta dei doni e nasconde anche un fondo crudele, come sono tutte le feste che premiano e puniscono. Il tono di questo primo sonetto è di infastidita polemica contro  i commercianti che si approfittano del clima festivo per aumentare ingiustamente il prezzo delle merci.

Leggi le Poesie della Befana


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info