08172017Gio
Last updateDom, 13 Ago 2017 11pm

Poesie della Befana

Poesia della Befana di Gioachino Belli - La matina de pasqua bbefania


Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

La Befana in volo sulla scopa
Poesia sulla Befana
di Gioachino Belli
La matina de pasqua bbefania

Ber vede è da per tutto sti fonghetti,
sti mammocci, sti furbi sciumachelli,
fra 'Da bbattajjeria de ggiucarelli
zompettà come spiriti folletti!
Arlecchini, trommette, purcinelli,
cavallucci, ssediole, sciufoletti,
carrettini, cuccù, schioppi, coccetti,
sciabbole,bbarrettoni, tammurrelli...
Questo porta la cotta e la sottana,
quello e vvistitom càmiscio e ppianeta,
e cquel' antro è uffizzial de la bbefana.
E intanto, o pprete, o cchirico, o uffizziale,
la robba dorce je tira le deta;
e mmamma strilla che ffinissce male.

Il quadro dell' atmosfera di gioia tipico del giorno della Befana si completa con questo sonetto che più degli altri ricostruisce i rumori, le sensazioni, la confusione dei bambini impazziti. Quello "zompettare" è poi un'immagine delicata tipica di quando Belli affronta il mondo infantile.  Il sonetto, come al solito, si presenta leggibile da almeno due prospettive: quella del documento, con la lista dei giochi, e quello della memoria, con il recupero di una sensazione sospesa di sapore fiabesco, quando l'attesa e l'arrivo della Befana segnavano il momento più magico dell'anno, l'unico comunque in cui protagonisti diventavano i bambini.

6 gennaio 1845

Leggi le Poesie della Befana


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info