Login

Pin It






Clich, clich, clich, s'apre il cancello
nella nebbia del giardino;
non ho inteso il campanello.
e non so chi sia in cammino.
Aspettiamo dietro i vetri,
 mentre il cuore batte, batte,
ma tra i rami secchi e tetri
non c'è che un gran mar di latte.
Finalmente, tutt'a un tratto,
sorge un'ombra nei paraggi;
ecco il nostro amato gatto
che ritorna dai suoi viaggi.
Pin It

Commenti