Login

Pin It

Poesia di Giuseppe Villaroel 
Canzonetta della pioggia 

Già s'affacciano nel cielo
grossi e densi nuvoloni.
Ogni pianta ed ogni stelo
si dispoglia a poco a poco.
Guizzan fulmini di fuoco

fra il rombar, cupo, dei tuoni.
Sopra l'arido selciato
è danzar di goccioloni.
Poi, d'un tratto, sul creato,
con la furia di una piena,
 il diluvio si scatena.
Leggi e spiega:Piove, piove, piove, piove!
Oh! il monotono scrosciare
della pioggia che rimuove,
che travolge, che trascina
ciò che incontra, ciò che intoppa
nella sua folle rapina
cose vecchie, cose nuove...
 la furia che galoppa
verso il piano, verso il mare.
 Piove, piove, piove, piove!
...Piove, piove, piove, piove ,-
sopra i monti, sopra i piani.
Hanno gli alberi intristiti
movimenti quasi umani.
 Sono tutti infreddoliti
gli uccellini dentro i nidi.
Levan rauchi e strani gridi
le ranocchie dei pantani.
Sulle vette più lontane
le casette rusticane,
nel grigiore mattinale
della pioggia torrenziale,
sembran tutte linde e nuove.
Piove, piove, piove, piove!
 Bimbi, è mesto il vostro cuore
come il giorno senza cielo;
ma verrà, domani, il sole;
s'aprirà sopra ogni stelo

la corolla di un bel fiore,
 torneranno le parole
della fede e dell'ardore,
torneran gli azzurri incanti
della terra sorridente
sotto i cieli sfolgoranti,
 e sul vostro labbro ardente
canterà, bimbi, l'amore!


È una fresca poesia, che per il suo tono e per le frequenti ripetizioni di versi uguali, ha
la melodia e il ritmo di una cantilena.
Il cielo è tutto coperto di nuvoloni scuri, si scatena un temporale furioso; la pioggia cade a scrosci e
investe tutte le cose e gli esseri della natura.. i monti, i più gli alberi, gli animali.
L'accenno alle casette che « sembran tutte linde e nuove è il primo motivo che preannuncia la fine
pioggia. Presto il sole tornerà a risplendere e il poeta rincuora i bambini con la certezza che, dopo la tristezza, torneranno la gioia e l'amore.
Così nella vita, dopo i dolori torna la felicità.

Pin It

Commenti