Epigrafe per i caduti di Marzabotto di Salvatore Quasimodo
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Epigrafe per i caduti di Marzabotto
di Salvatore Quasimodo

Questa è memoria di sangue
di fuoco, di martirio,
del più vile sterminio di popolo
voluto dai nazisti di von Kesselring
e dai loro soldati di ventura
dell’ultima servitù di Salò
per ritorcere azioni di guerra partigiana.

I milleottocentotrenta dell’altipiano
fucilati ed arsi
da oscura cronaca contadina e operaia
entrano nella storia del mondo
col nome di Marzabotto.
Terribile e giusta la loro gloria:
indica ai potenti le leggi del diritto,
il civile consenso
per governare anche il cuore dell’uomo,
non chiede compianto o ira,
onore invece di libere armi
davanti alle montagne e alle selve
dove il Lupo e la sua Brigata
piegarono più volte
i nemici della libertà.
La loro morte copre uno spazio immenso,
in esso uomini di ogni terra
non dimenticano Marzabotto,
il suo feroce evo
di barbarie contemporanea.

Leggi le Poesie 25 Aprile festa della liberazione

Albert von Kesselring era il comandante delle forze tedesche operanti in Italia. Al processo di Norimberga contro i criminale di guerra fu condannato prima a morte, poi all'ergastolo. Nel 1952 fu liberato dagli inglesi. La Repubblica di Salò, rappresenta la fase finale della dittatura fascista. Il paese di Marzabotto viene raso al suolo: milleottocentotrentasei civili vengono uccisi

Commenti

Potrebbero interessarti