Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 vischio
Pianta di Natale 
Il vischio

Ecco un grosso ramo di vischio, tutto forcuto, appeso alla parete con un fiocco rosso.
L'abbiamo offerto alla mamma in segno di augurio:
Ha le foglie di color verde giallo.
I frutti sono bacche bianche, piene d'un succo appiccicaticcio.
Il vischio è una pianta sempreverde, che vive a spese di altre piante. Mette radice sui peri, sui meli, sui mandorli, sui susini, sui pioppi e sugli abeti.
Si nutre e cresce senza fare nessuna fatica.

Durante il periodo natalizio si presentano auguri e si adornano le case con una pianta assai singolare: il vischio. Non si trova in terra. 
Esso affonda le radici sui rami di una pianta ospite, generalmente il castagno, ma anche il melo, il pero, il pioppo, la quercia.
Com'è accaduto?
Osserviamo i frutti: bacche color madreperla, grandi quanto un grosso pisello. 
Son maturate in autunno e si conservano fino a primavera.
Apriamone una: uscirà un liquido (attenzione, è velenoso) che appiccica, vischioso appunto, nel quale si trovano uno o due semi.
Gli uccelli, i tordi in particolare, ne sono ghiotti.
Ma, dopo averli mangiati, sentono che il becco rimane sporco, appiccicoso. 
Allora se lo puliscono sfregandolo su un ramo,. al quale resta attaccato un seme che, m seguito germmerà.
Ed ecco la pianticella di vischio che si nutre succhiando la linfa della pianta ospite. 
Si sviluppa molto lentamente. 
Le prime foglie, due opposte e attaccate alla medesima altezza, nascono al termine del secondo anno o all'inizio del terzo. 
La pianta sarà alta allora solo un centimetro. 
Poi dall'ascella delle foglie si formano rami laterali. 
E cosi di anno in anno fino a formare il caratteristico cespo che raggiungerà il
diametro di una cinquantina di centimetri in una ventina d'anni.
Dannoso alle piante sulle quali s'insedia, dona loro un po' di verde anche d'inverno. Ha infatti foglie persistenti che cadono ogni due anni.
Il vischio è una pianta parassita, non ha radici in terra e cresce sui rami di molti alberi formando ciuffi tondi che restano verdi tutto l'anno. 
Un'altra pianta natalizia, da non estirpare perchè ormai rara, è l'agrifoglio che come il ginepro, è considerato un amuleto e portafortuna. Le sue proprietà simboliche si esprimono nelle foglie, che sono dure, coriacee, frastagliate e pungenti, e nelle bacche rosse che a alludono al Sole - Bambino, luce del mondo nell'aurora.

Le Piante di Natale sin dai tempi antichi si regalavano come segno di benessere e di ricchezza. Può interessarti altro contenuto che riguarda "il SANTO NATALE" la festa più attesa dell'anno da piccoli e grandi. Non solo piante natalizie augurali, scegli come trascorrere le feste di Natale in compagnia.