Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Premi nazionali e internazionali ricevuti da Madre Teresa di Calcutta

Premi a Madre Teresa di Calcutta
Premi ottenuti per la sua bontà da Madre Teresa di Calcutta

Gesù disse: « Voi siete la luce del mondo. Non può rimanere nascosta una città situata sopra una montagna, né si accende una lucerna e la si pone sotto il moggio, ma sul porta-lucerna e faluce a tutti quelli che sono in casa.
Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, affinché vedano le vostre opere buone e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli» .
Madre Teresa ha veramente acceso una luce nel cuore e nella mente di milioni di persone, è diventata la luce nelle tenebre della miseria, della sofferenza, dell'odio, della guerra, della corruzione...
È la luce della speranza per la gente che non sperava più.
E non è rimasta sola. Dietro di sé ha più di 2500 suore «Missionarie della carità» più di 400 fratelli «Missionari della carità», due rami contemplativi, o come dice lei «(due mani» ed infine l'esercito dei «Collaboratori di Madre Teresa» in tutto il. mondo, gente che cerca di fare del bene ai poveri come Madre Teresa.
Allora è diventata una «città» situata sopra la montagna, con la sua vita e le sue opere, con la «Città della gloria» per i lebbrosi, con la «casa del Cuore puro» per i moribondi e come tale non poteva rimanere nascosta, ma piano piano fu scoperta e riconosciuta da tutti.
Madre Teresa non ha casa, non aveva niente, aveva tante case, il mondo era la sua casa, e lei cercava di essere la luce per far lace a tutti.
Lo scopo finale della vita e dell'opera sua era: la gloria di Dio e .la salvezza delle anime, far vedere, sentire, gustare mediante le opere buone il nostro Dio, Padre che è nei cieli .
L'opera di Madre Teresa non poteva rimanere un caso isolato
Si accorgeva prima di tutto la gente povera, bisognosa, sofferente; e si accorgevano le autorità civili ed ecclesiali.
Cominciò quasi una gara nel premiarla, darle tanti riconoscimenti nazionali ed internazionali.

IL PREMIO «PAMADA SHIR» (1962)
Il primo grande riconoscimento nazionale nel mese di aprile del 1962, che ricevette dalle mani del presidente dell'India dr. Radjendrah Prassal «Pamada Shir».
Lei era molto sconvolta da questo riconoscimento, non lo voleva accettare, ma l'arcivescovo le ordinò di andare perché «onorando lei, intende onorare tutti i religiosi e le religiose che si dedicano al servizio dei poveri».
Una volta disse così:
«La croce più grande per me è la popolarità, le premiazioni nazionali ed, internazionali.
Le accetto solo per Gesù, a nome del poveri, per la gloria di Dio.
Per me e diffIcIle trovarmi in questi ambienti politici, diplomatici...
Allora sfrutto l'occasione per parlare dell'amore di Dio per tutti gli uomini».

IL PREMIO «RAIMOND MAGSAYSAY» (1962)

Lo stesso anno, nel mese di agosto, il governo filippino le assegnò il premio «Ramon Magsaysay» per riconoscerla come «la donna più meritevole dell'Asia... e per il lavoro instancabile con i poveri... ».

IL PREMIO «PAPA GIOVANNI XXIII PER LA PACE»(1971)

il primo grànde riconoscimento da parte della Chiesa Cattolica Madre Teresa lo ebbe nel 1971 con la consegna delpremio «Papa Giovanni XXIII per la pace».
Glielo consegnò personalmente il Papa Paolo VI, il quale fra l'altro disse: «Madre ..Teresa da vent'anni, sulle strade dell'India, sta svolgendo fna meravigliosa missione d'amore a favore dei lebbrosi,dei vecchi, dei fanciulli abbandonati...»

IL PREMIO «BUON SAMARITANO» (1971)
A Boston (USA) Madre Tetesa ricevette nel mese di settembre il premio «Buon Samaritano» perché «dà un meraviglioso esempio di come bisogna avere cura degli esseri umani...».

IL PREMIO INTERNAZIONALE «jOHN F. KENNEDY» (1971)
Fu questo nel mese di ottobre, a Washington, «perché sa servire la vita e nella sua fede esemplare non dubita mai di avere mezzi necessari per farlo... ».

IL PREMIO «NEHRU» (1972)

Nel mese di novembre ricevette questo premio «per la
comprensione internazionale. .., come anche per il servizio altruista, fatto senza curarsi della nazionalità, della casta, della religione, e non aspettando per esso alcun riconoscimento pubblico... ».

IL PREMIO «TEMPELTON» (1973)
Nell'aprile del 1973, a Londra, nelle mani del principe Filippo di Edimburgo «per il progresso nella religione». Madre Teresa ringraziando per questo riconosctmento fra l'altro disse così:
«So di non meritare niente io, ma i nostri poveri, e soprattutto Dio, al quale va ogni lode e gloria... ».
Il principe Filippo nel discorso ufficiale fra l'altro disse così: «So molto bene, Madre Teresa, che lei sarebbe l'ultima persona di questo mondo che cercherebbe riconoscimenti, ma so anche ch' è la- prima a meritarli».

IL PREMIO «ST. LUIS OF MARILLAC» (1973)
Lo ricevette Madre Teresa a Los Angeles «per la bontà e l'amore incomparabile per la sofferenza umana... ».

IL PREMIO
«LA MADRE DI TUTTE LE MADRI» (1973)

Fu forse il premio plebiscitario internazionale a confermare quello che il mondo le aveva dato chiamandola sempre con rispetto ed amore: «La Madre del mondo».

IL PREMIO «AMBROGINO D'ORO» (1973)

A Milano in occasione della marcia «San Pan» di solidarietà missionaria che fu organizzata dal Centro missionario P.I.M.E.

IL PREMIO «MAMMA UNIVERSALE» (1974)

Lo ricevette Madre Teresa dal C.O.I. «per la sua grande bontà ed amore... ».

IL PREMIO «SWIETZER» (1975)

Le diede l'Università di Wellington -North Carolina.

IL RICONOSCIMENTO
«DOCTOR HONORIS CAUSA» IN LEGGE (1975)

L'università di S. Francesco Saverio di Antigonish, Nuova Scozia -Canada, per la «promozione umana della gente povera e miserabile... ».

IL PREMIO «BALSAN» (1978)

Questo è un premio internazionale che le consegnò il presidente della Repubblica Italiana, Sandro Pertini, per il grande contributo «all'umanità, alla pace e alla fratellanza fra i popoli... ».

IL «PREMIO NOBEL PER LA PACE» (1979)

Fu il vertice dei premi, il 10 dicembre 1979, ad Oslo (Norvegia), dalle mani del presidente del Comitato Nobel per la Pace, il dr. John Sannes, nell'Aula dell'Università, davanti alle più alte personalità politiche, culturali, religiose del paese.
In quella occasione il dr. Sannes fra l'altro disse così:
«Madre Teresa ha superato personalmente l'abisso che esiste fra ricchi e poveri.
La sua visione della dignità umana ha costruito un ponte...».
Madre Teresa, nel ringraziare, fra l'altro disse:
«Ricevo il Premio Nòbel per la Pace in nome dei poveri.
Gesù ha detto: Ho fame, ho sete, sono ignudato, non ho casa.
Servendo I poverI io servo LuI...».

IL PREMIO «BHARAT PATNA» (1980)

Nel mese di marzo ricevette dalle mani di Indira Gandhi il premio «il gioiello dell'India».

IL RICONOSCIMENTO «LAUREA AD HONOREM» (1981)

La laurea in medicina e chirurgia all'Università cattolica del Sacro Cuore di Roma.

IL PREMIO «ORDINE D'ONORE» (1983)

La regina d'Inghilterra Elisabetta II, le dà l'«Otdine d'onore» dell'Australia «per il lavoro umanitario compiuto da molti anni... ».

IL «PREMIO DELLA PACE» (1983)

A Taranto Madre Teresa ha ricevuto questo premio dal presidente della Commissione e del Comitato, don Angelo Mela.

IL PREMIO «LA MEDAGLIA DELLA LIBERTÀ» (1985)

La più prestigiosa ed alta onorificenza americana che le consegnò personalmente il presidente dell'USA Ronald Reagan «come riconoscimento della sua opera di liberazione dalla schiavitù da tante miserie umane».

IL PREMIO «LA MEDAGLIA DELLA PACE» (1988)

Madre Teresa ha ricevuto questo grande premio a Mosca dal Comitato per la difesa della pace, che è il premio più alto della Russia, «in segno della gratitudine per quello che fa per la pace nel mondo...».

Commenti

Potrebbero interessarti