Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Natale, Poesie di Natale, Filastrocche di Natale

  La leggenda della cometa
di M. Lombardi 

 Una sera le stelline più vicine a mamma luna dissero: - Perché dobbiamo star sempre ferme nello stesso posto? Noi desideriamo muoverci: lasciaci andare, mamma.
La luna non sapeva che fare: non poteva lasciarle muovere tutte, perché avrebbero messo in disordine il cielo; così pensò di accontentarne una sola, la più buona e la più umile. C'era infatti una stellina che non si lamentava mai, se ne stava quasi nascosta e mandava una luce debole debole. La povera stellina aveva una punta rotta e ne provava tanta vergogna. La mamma volle renderla felice e coprì la punta spezzata con una bella striscia di argento, lunga e svolazzante.
La stellina, quando si vide così bella, risplendette d'una luce più viva.

Mamma luna le disse: - Va' pure un po' a spasso, cara, va' dove vuoi.
La buona stellina volle rendersi utile a qualcuno. Guardò sulla terra, e vide tre Re che andavano sui cammelli, e sentì che cercavano il Bambino Gesù per adorarlo. Allora si abbassò, si abbassò, finché i tre Re la videro.
Oh! - gridarono - una stella cometa che si muove nel cielo! Seguiamola!
La stellina li guidò fino ad una capanna piena di luci e di canti.
Su un povero giaciglio il Bambino Gesù apriva le braccia in un gesto d'amore. I Re lo adorarono e gli offrirono doni.
La stellina, che si era posata sul tetto, si senti felice.

Commenti

Potrebbero interessarti