Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoniere di Francesco Petrarca 
91-120

91
La bella donna che cotanto amavi
subitamente s'e da noi partita,
et per quel ch'io ne speri al ciel salita,
si furon gli atti suoi dolci soavi.
Tempo e da ricovrare ambo le chiavi
del tuo cor, ch'ella possedeva in vita,
et seguir lei per via dritta expedita:
peso terren non sia piu che t'aggravi.
Poi che se' sgombro de la maggior salma,
l'altre puoi giuso agevolmente porre,
sallendo quasi un pellegrino scarco.
Ben vedi omai si come a morte corre
ogni cosa creata, et quanto all'alma
bisogna ir lieve al periglioso varco.


92
Piangete, donne, et con voi pianga Amore;
piangete, amanti, per ciascun paese,
poi ch'e morto collui che tutto intese
in farvi, mentre visse, al mondo honore.
Io per me prego il mio acerbo dolore,
non sian da lui le lagrime contese,
et mi sia di sospir' tanto cortese,
quanto bisogna a disfogare il core.
Piangan le rime anchor, piangano i versi,
perche 'l nostro amoroso messer Cino
novellamente s'e da noi partito.
Pianga Pistoia, e i citadin perversi
che perduto anno si dolce vicino;
et rallegresi il cielo, ov'ello e gito.

93
Più volte Amor m'avea gia detto: Scrivi,
scrivi quel che vedesti in lettre d'oro,
si come i miei seguaci discoloro,
e 'n un momento gli fo morti et vivi.
Un tempo fu che 'n te stesso 'l sentivi,
volgare exemplo a l'amoroso choro;
poi di man mi ti tolse altro lavoro;
ma gia ti raggiuns'io mentre fuggivi.
E se 'begli occhi, ond'io me ti mostrai
et la dov'era il mio dolce ridutto
quando ti ruppi al cor tanta durezza,
mi rendon l'arco ch'ogni cosa spezza,
forse non avrai sempre il viso asciutto:
ch'i' mi pasco di lagrime, et tu 'l sai.

94
Quando giunge per gli occhi al cor profondo
l'imagin donna, ogni altra indi si parte,
et le vertu che l'anima comparte
lascian le menbra, quasi immobil pondo.
Et del primo miracolo il secondo
nasce talor, che la scacciata parte
da se stessa fuggendo arriva in parte
che fa vendetta e 'l suo exilio giocondo.
Quinci in duo volti un color morto appare,
perche 'l vigor che vivi gli mostrava
da nessun lato e piu la dove stava.
Et di questo in quel di mi ricordava,
ch'i' vidi duo amanti trasformare,
et far qual io mi soglio in vista fare.

95
Cosi potess'io ben chiuder in versi
i miei pensier', come nel cor gli chiudo,
ch'animo al mondo non fu mai si crudo
ch'i' non facessi per pieta dolersi.
Ma voi, occhi beati, ond'io soffersi
quel colpo, ove non valse elmo ne scudo,
di for et dentro mi vedete ignudo,
benche 'n lamenti il duol non si riversi.
Poi che vostro vedere in me risplende,
come raggio di sol traluce in vetro,
basti dunque il desio senza ch'io dica.
Lasso, non a Maria, non nocque a Pietro
la fede, ch'a me sol tanto e nemica;
et so ch'altri che voi nessun m'intende.

96
Io son de l'aspectar omai si vinto,
et de la lunga guerra de' sospiri,
ch'i' aggio in odio la speme e i desiri,
ed ogni laccio ond'e 'l mio core avinto.
Ma 'l bel viso leggiadro che depinto
porto nel petto, et veggio ove ch'io miri,
mi sforza; onde ne' primi empii martiri
pur son contra mia voglia risospinto.
Allor errai quando l'antica strada
di liberta mi fu precisa et tolta,
che mal si segue cio ch'agli occhi agrada;
allor corse al suo mal libera et sciolta:
ora a posta d'altrui conven che vada
l'anima che pecco sol una volta.

97
Ahi bella libertà, come tu m'hai,
partendoti da me, mostrato quale
era 'l mio stato, quando il primo strale
fece la piagha ond'io non guerro mai!
Gli occhi invaghiro allor si de' lor guai,
che 'l fren de la ragione ivi non vale,
perch'anno a schifo ogni opera mortale:
lasso, cosi da prima gli avezzai!
Ne mi lece ascoltar chi non ragiona
de la mia morte; et solo del suo nome
vo empiendo l'aere, che si dolce sona.
Amor in altra parte non mi sprona,
ne i pie' sanno altra via, ne le man' come
lodar si possa in carte altra persona.

98
Orso, al vostro destrier si pò ben porre
un fren, che di suo corso indietro il volga;
ma 'l cor chi leghera, che non si sciolga,
se brama honore, e 'l suo contrario abhorre?
Non sospirate: a lui non si po torre
suo pregio, perch'a voi l'andar si tolga;
che, come fama publica divolga,
egli e gia la, che null'altro il precorre.
Basti che si ritrove in mezzo 'l campo
al destinato di, sotto quell'arme
che gli da il tempo, amor, vertute e 'l sangue,
gridando: D'un gentil desire avampo
col signor mio, che non po seguitarme,
et del non esser qui si strugge et langue.

99
Poi che voi et io più volte abbiam provato
come 'l nostro sperar torna fallace,
dietro a quel sommo ben che mai non spiace
levate il core a piu felice stato.
Questa vita terrena e quasi un prato,
che 'l serpente tra' fiori et l'erba giace;
et s'alcuna sua vista agli occhi piace,
e per lassar piu l'animo invescato.
Voi dunque, se cercate aver la mente
anzi l'extremo di queta gia mai,
seguite i pochi, et non la volgar gente.
Ben si puo dire a me: Frate, tu vai
mostrando altrui la via, dove sovente
fosti smarrito, et or se' piu che mai.

100
Quella fenestra ove l'un sol si vede,
quando a lui piace, et l'altro in su la nona;
et quella dove l'aere freddo suona
ne' brevi giorni, quando borrea 'l fiede;
e 'l sasso, ove a' gran di pensosa siede
madonna, et sola seco si ragiona,
con quanti luoghi sua bella persona
copri mai d'ombra, o disegno col piede;
e 'l fiero passo ove m'agiunse Amore;
e lla nova stagion che d'anno in anno
mi rinfresca in quel di l'antiche piaghe;
e 'l volto, et le parole che mi stanno
altamente confitte in mezzo 'l core,
fanno le luci mie di pianger vaghe.