Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoniere di Francesco Petrarca 
31 - 60

31
Questa anima gentil che si diparte,
anzi tempo chiamata a l'altra vita,
se lassuso e quanto esser de gradita,
terra del ciel la piu beata parte.
S'ella riman fra 'l terzo lume et Marte,
fia la vista del sole scolorita,
poi ch'a mirar sua bellezza infinita
l'anime degne intorno a lei fien sparte.
Se si posasse sotto al quarto nido,
ciascuna de le tre saria men bella,
et essa sola avria la fama e 'l grido;
nel quinto giro non habitrebbe ella;
ma se vola più alto, assai mi fido
che con Giove sia vinta ogni altra stella.

32
Quanto più m'avicino al giorno extremo
che l'umana miseria suol far breve,
piu veggio il tempo andar veloce et leve,
e 'l mio di lui sperar fallace et scemo.
I' dico a' miei pensier': Non molto andremo
d'amor parlando omai, che 'l duro et greve
terreno incarco come frescha neve
si va struggendo; onde noi pace avremo:
perche co llui cadra quella speranza
che ne fe' vaneggiar si lungamente,
e 'l riso e 'l pianto, et la paura et l'ira;
si vedrem chiaro poi come sovente
per le cose dubbiose altri s'avanza,
et come spesso indarno si sospira.

33
Gia fiammeggiava l'amorosa stella
per l'oriente, et l'altra che Giunone
suol far gelosa nel septentrione,
rotava i raggi suoi lucente et bella;
levata era a filar la vecchiarella,
discinta et scalza, et desto avea 'l carbone,
et gli amanti pungea quella stagione
che per usanza a lagrimar gli appella:
quando mia speme gia condutta al verde
giunse nel cor, non per l'usata via,
che 'l sonno tenea chiusa, e 'l dolor molle;
quanto cangiata, oime, da quel di pria!
Et parea dir: Perche tuo valor perde?
Veder quest'occhi anchor non ti si tolle.

34
Apollo, s'anchor vive il bel desio
che t'infiammava a le thesaliche onde,
et se non ai l'amate chiome bionde,
volgendo gli anni, gia poste in oblio:
dal pigro gielo et dal tempo aspro et rio,
che dura quanto 'l tuo viso s'asconde,
difendi or l'onorata et sacra fronde,
ove tu prima, et poi fu' invescato io;
et per vertu de l'amorosa speme,
che ti sostenne ne la vita acerba,
di queste impression l'aere disgombra;
si vedrem poi per meraviglia inseme
seder la donna nostra sopra l'erba,
et far de le sue braccia a se stessa ombra.

35
Solo e pensoso i più deserti campi
vo mesurando a passi tardi e lenti,
et gli occhi porto per fuggire intenti
ove vestigio human l'arena stampi.
Altro schermo non trovo che mi scampi
dal manifesto accorger de le genti,
perche negli atti d'alegrezza spenti
di fuor si legge com'io dentro avampi:
si ch'io mi credo omai che monti et piagge
et fiumi et selve sappian di che tempre
sia la mia vita, ch'e celata altrui.
Ma pur si aspre vie ne si selvagge
cercar non so ch'Amor non venga sempre
ragionando con meco, et io con lui.

36
S'io credesse per morte essere scarco
del pensiero amoroso che m'atterra,
colle mie mani avrei gia posto in terra
queste mie membra noiose, et quello incarco;
ma perch'io temo che sarrebbe un varco
di pianto in pianto, et d'una in altra guerra,
di qua dal passo anchor che mi si serra
mezzo rimango, lasso, et mezzo il varco.
Tempo ben fora omai d'avere spinto
l'ultimo stral la dispietata corda
ne l'altrui sangue gia bagnato et tinto;
et io ne prego Amore, et quella sorda
che mi lasso de' suoi color' depinto,
et di chiamarmi a se non le ricorda.

37
Si è debile il filo a cui s'attene
la gravosa mia vita
che, s'altri non l'aita,
ella fia tosto di suo corso a riva;
pero che dopo l'empia dipartita
che dal dolce mio bene
feci, sol una spene
e stato infin a qui cagion ch'io viva,
dicendo: Perche priva
sia de l'amata vista,
mantienti, anima trista;
che sai s'a miglior tempo ancho ritorni
et a piu lieti giorni,
o se 'l perduto ben mai si racquista?
Questa speranza mi sostenne un tempo:
or vien mancando, et troppo in lei m'attempo.
Il tempo passa, et l'ore son si pronte
a fornire il viaggio,
ch'assai spacio non aggio
pur a pensar com'io corro a la morte:
a pena spunta in oriente un raggio
di sol, ch'a l'altro monte
de l'adverso orizonte
giunto il vedrai per vie lunghe et distorte.
Le vite son si corte,
si gravi i corpi et frali
degli uomini mortali,
che quando io mi ritrovo dal bel viso
cotanto esser diviso,
col desio non possendo mover l'ali,
poco m'avanza del conforto usato,
ne so quant'io mi viva in questo stato.
Ogni loco m'atrista ov'io non veggio
quei begli occhi soavi
che portaron le chiavi
de' miei dolci pensier', mentre a Dio piacque;
et perche 'l duro exilio piu m'aggravi,
s'io dormo o vado o seggio,
altro gia mai non cheggio,
et cio ch'i' vidi dopo lor mi spiacque.
Quante montagne et acque,
quanto mar, quanti fiumi
m'ascondon que' duo lumi,
che quasi un bel sereno a mezzo 'l die
fer le tenebre mie,
a cio che 'l rimembrar piu mi consumi,
et quanto era mia vita allor gioiosa
m'insegni la presente aspra et noiosa!
Lasso, se ragionando si rinfresca
quel' ardente desio
che nacque il giorno ch'io
lassai di me la miglior parte a dietro,
et s'Amor se ne va per lungo oblio,
chi mi conduce a l'esca,
onde 'l mio dolor cresca?
Et perche pria tacendo non m'impetro?
Certo cristallo o vetro
non mostro mai di fore
nascosto altro colore,
che l'alma sconsolata assai non mostri
piu chiari i pensier' nostri,
et la fera dolcezza ch'e nel core,
per gli occhi che di sempre pianger vaghi
cercan di et nocte pur chi glien'appaghi.
Novo piacer che ne gli umani ingegni
spesse volte si trova,
d'amar qual cosa nova
piu folta schiera di sospiri accoglia!
Et io son un di quei che 'l pianger giova;
et par ben ch'io m'ingegni
che di lagrime pregni
sien gli occhi miei si come 'l cor di doglia;
et perche a ccio m'invoglia
ragionar de' begli occhi,
ne cosa e che mi tocchi
o sentir mi si faccia cosi a dentro,
corro spesso, et rientro,
cola donde piu largo il duol trabocchi,
et sien col cor punite ambe le luci,
ch'a la strada d'Amor mi furon duci.
Le treccie d'or che devrien fare il sole
d'invidia molta ir pieno,
e 'l bel guardo sereno,
ove i raggi d'Amor si caldi sono
che mi fanno anzi tempo venir meno,
et l'accorte parole,
rade nel mondo o sole,
che mi fer gia di se cortese dono,
mi son tolte; et perdono
piu lieve ogni altra offesa,
che l'essermi contesa
quella benigna angelica salute
che 'l mio cor a vertute
destar solea con una voglia accesa:
tal ch'io non penso udir cosa gia mai
che mi conforte ad altro ch'a trar guai.
Et per pianger anchor con piu diletto,
le man' bianche sottili
et le braccia gentili,
et gli atti suoi soavemente alteri,
e i dolci sdegni alteramente humili,
e 'l bel giovenil petto,
torre d'alto intellecto,
mi celan questi luoghi alpestri et feri;
et non so s'io mi speri
vederla anzi ch'io mora:
pero ch'ad ora ad ora
s'erge la speme, et poi non sa star ferma,
ma ricadendo afferma
di mai non veder lei che 'l ciel honora,
ov'alberga Honestade et Cortesia,
et dov'io prego che 'l mio albergo sia.
Canzon, s'al dolce loco
la donna nostra vedi,
credo ben che tu credi
ch'ella ti porgera la bella mano,
ond'io son si lontano.
Non la toccar; ma reverente ai piedi
le di' ch'io saro la tosto ch'io possa,
o spirto ignudo od uom di carne et d'ossa.

38
Orso, è non furon mai fiumi nè stagni,
ne mare, ov'ogni rivo si disgombra,
ne di muro o di poggio o di ramo ombra,
ne nebbia che 'l ciel copra e 'l mondo bagni,
ne altro impedimento, ond'io mi lagni,
qualunque piu l'umana vista ingombra,
quanto d'un vel che due begli occhi adombra,
et par che dica: Or ti consuma et piagni.
Et quel lor inchinar ch'ogni mia gioia
spegne o per humiltate o per argoglio,
cagion sara che 'nanzi tempo i' moia.
Et d'una bianca mano ancho mi doglio,
ch'e stata sempre accorta a farmi noia,
et contra gli occhi miei s'e fatta scoglio.

39
Io temo si de' begli occhi l'assalto
ne' quali Amore et la mia morte alberga,
ch'i' fuggo lor come fanciul la verga,
et gran tempo e ch'i' presi il primier salto.
Da ora inanzi faticoso od alto
loco non fia, dove 'l voler non s'erga
per no scontrar chi miei sensi disperga
lassando come suol me freddo smalto.
Dunque s'a veder voi tardo mi volsi
per non ravvicinarmi a chi mi strugge,
fallir forse non fu di scusa indegno.
Piu dico, che 'l tornare a quel ch'uom fugge,
e 'l cor che di paura tanta sciolsi,
fur de la mia fede non leggier pegno.

40
S'Amore o Morte non da qualche stroppio
a la tela novella ch'ora ordisco,
et s'io mi svolvo dal tenace visco,
mentre che l'un coll'altro vero accoppio,
i' faro forse un mio lavor si doppio
tra lo stil de' moderni e 'l sermon prisco,
che, paventosamente a dirlo ardisco,
infin a Roma n'udirai lo scoppio.
Ma pero che mi mancha a fornir l'opra
alquanto de le fila benedette
ch'avanzaro a quel mio dilecto padre,
perche tien' verso me le man' si strette,
contra tua usanza? I' prego che tu l'opra,
e vedrai riuscir cose leggiadre.

Potrebbero interessarti