Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoniere di Francesco Petrarca 
211-240

211
Voglia mi sprona, Amor mi guida et scorge,
Piacer mi tira, Usanza mi trasporta,
Speranza mi lusinga et riconforta
et la man destra al cor gia stanco porge;
e 'l misero la prende, et non s'accorge
di nostra cieca et disleale scorta:
regnano i sensi, et la ragion e morta;
de l'un vago desio l'altro risorge.
Vertute, Honor, Bellezza, atto gentile,
dolci parole ai be' rami m'an giunto
ove soavemente il cor s'invesca.
Mille trecento ventisette, a punto
su l'ora prima, il di sesto d'aprile,
nel laberinto intrai, ne veggio ond'esca.


212
Beato in sogno et di languir contento,
d'abbracciar l'ombre et seguir l'aura estiva,
nuoto per mar che non a fondo o riva,
solco onde, e 'n rena fondo, et scrivo in vento;
e 'l sol vagheggio, si ch'elli a gia spento
col suo splendor la mia vertu visiva,
et una cerva errante et fugitiva
caccio con un bue zoppo e 'nfermo et lento.
Cieco et stanco ad ogni altro ch'al mio danno
il qual di et notte palpitando cerco,
sol Amor et madonna, et Morte, chiamo.
Cosi venti anni, grave et lungo affanno,
pur lagrime et sospiri et dolor merco:
in tale stella presi l'esca et l'amo.


213
Grazie ch'a pochi il ciel largo destina:
rara vertu, non gia d'umana gente,
sotto biondi capei canuta mente,
e 'n humil donna alta belta divina;
leggiadria singulare et pellegrina,
e 'l cantar che ne l'anima si sente,
l'andar celeste, e 'l vago spirto ardente,
ch'ogni dur rompe et ogni altezza inchina;
e que' belli occhi che i cor' fanno smalti,
possenti a rischiarar abisso et notti,
et torre l'alme a' corpi, et darle altrui;
col dir pien d'intellecti dolci et alti,
co i sospiri soavemente rotti:
da questi magi transformato fui.


214
Anzi tre di creata era alma in parte
da por sua cura in cose altere et nove,
et dispregiar di quel ch'a molti e 'n pregio.
Quest'anchor dubbia del fatal suo corso,
sola pensando, pargoletta et sciolta,
intro di primavera in un bel bosco.
Era un tenero fior nato in quel bosco
il giorno avanti, et la radice in parte
ch'appressar nol poteva anima sciolta:
che v'eran di lacciuo' forme si nove,
et tal piacer precipitava al corso,
che perder libertate ivi era in pregio.
Caro, dolce, alto et faticoso pregio,
che ratto mi volgesti al verde bosco
usato di sviarne a mezzo 'l corso!
Et o cerco poi 'l mondo a parte a parte,
se versi o petre o suco d'erbe nove
mi rendesser un di la mente sciolta.
Ma, lasso, or veggio che la carne sciolta
fia di quel nodo ond'e 'l suo maggior pregio
prima che medicine, antiche o nove,
saldin le piaghe ch'i' presi in quel bosco,
folto di spine, ond'i' o ben tal parte,
che zoppo n'esco, e 'ntra'vi a si gran corso.
Pien di lacci et di stecchi un duro corso
aggio a fornire, ove leggera et sciolta
pianta avrebbe uopo, et sana d'ogni parte.
Ma Tu, Signor, ch'ai di pietate il pregio,
porgimi la man dextra in questo bosco:
vinca 'l Tuo sol le mie tenebre nove.
Guarda 'l mio stato, a le vaghezze nove
che 'nterrompendo di mia vita il corso
m'an fatto habitador d'ombroso bosco;
rendimi, s'esser po, libera et sciolta
l'errante mia consorte; et fia Tuo 'l pregio,
s'anchor Teco la trovo in miglior parte.
Or ecco in parte le question' mie nove:
s'alcun pregio in me vive, o 'n tutto e corso,
o l'alma sciolta, o ritenuta al bosco.


215
In nobil sangue vita humile et queta
et in alto intellecto un puro core,
frutto senile in sul giovenil fiore
e 'n aspetto pensoso anima lieta
raccolto a 'n questa donna il suo pianeta,
anzi 'l re de le stelle; e 'l vero honore,
le degne lode, e 'l gran pregio, e 'l valore,
ch'e da stanchar ogni divin poeta.
Amor s'e in lei con Honestate aggiunto,
con belta naturale habito adorno,
et un atto che parla con silentio,
et non so che nelli occhi, che 'n un punto
po far chiara la notte, oscuro il giorno,
e l' mel amaro, et addolcir l'assentio.


216
Tutto 'l di piango; et poi la notte, quando
prendon riposo i miseri mortali,
trovomi in pianto, et raddoppiansi i mali:
cosi spendo 'l mio tempo lagrimando.
In tristo humor vo li occhi comsumando,
e 'l cor in doglia; et son fra li animali
l'ultimo, si che li amorosi strali
mi tengon ad ogni or di pace in bando.
Lasso, che pur da l'un a l'altro sole,
et da l'una ombra a l'altra, o gia 'l piu corso
di questa morte, che si chiama vita.
Piu l'altrui fallo che 'l mi' mal mi dole:
che Pieta viva, e 'l mio fido soccorso,
vedem' arder nel foco, et non m'aita.


217
Gia desiai con si giusta querela
e 'n si fervide rime farmi udire,
ch'un foco di pieta fessi sentire
al duro cor ch'a mezza state gela;
et l'empia nube, che 'l rafredda et vela,
rompesse a l'aura del mi' ardente dire;
o fessi quell'altrui in odio venire,
che ' belli, onde mi strugge, occhi mi cela.
Or non odio per lei, per me pietate
cerco: che quel non vo', questo non posso
(tal fu mia stella, et tal mia cruda sorte);
ma canto la divina sua beltate,
che, quand'i' sia di questa carne scosso,
sappia 'l mondo che dolce e la mia morte.


218
Tra quantunque leggiadre donne et belle
giunga costei ch'al mondo non a pare,
col suo bel viso suol dell'altre fare
quel che fa 'l di de le minori stelle.
Amor par ch'a l'orecchie mi favelle,
dicendo: Quanto questa in terra appare,
fia 'l viver bello; et poi 'l vedrem turbare,
perir vertuti, e 'l mio regno con elle.
Come Natura al ciel la luna e 'l sole,
a l'aere i venti, a la terra herbe et fronde,
a l'uomo et l'intellecto et le parole,
et al mar ritollesse i pesci et l'onde:
tanto et piu fien le cose oscure et sole,
se Morte li occhi suoi chiude et asconde.


219
Il cantar novo e 'l pianger delli augelli
in sul di fanno retenir le valli,
e 'l mormorar de' liquidi cristalli
giu per lucidi, freschi rivi et snelli.
Quella ch'a neve il volto, oro i capelli,
nel cui amor non fur mai inganni ne falli,
destami al suon delli amorosi balli,
pettinando al suo vecchio i bianchi velli.
Cosi mi sveglio a salutar l'aurora,
e 'l sol ch'e seco, et piu l'altro ond'io fui
ne' primi anni abagliato, et son anchora.
I' gli o veduti alcun giorno ambedui
levarsi inseme, e 'n un punto e 'n un' hora
quel far le stelle, et questi sparir lui.


220
Onde tolse Amor l'oro, et di qual vena,
per far due trecce bionde? e 'n quali spine
colse le rose, e 'n qual piaggia le brine
tenere et fresche, et die' lor polso et lena?
onde le perle, in ch'ei frange et affrena
dolci parole, honeste et pellegrine?
onde tante bellezze, et si divine,
di quella fronte, piu che 'l ciel serena?
Da quali angeli mosse, et di qual spera,
quel celeste cantar che mi disface
si che m'avanza omai da disfar poco?
Di qual sol nacque l'alma luce altera
di que' belli occhi ond'io o guerra et pace,
che mi cuocono il cor in ghiaccio e 'n fuoco?


221

Qual mio destin, qual forza o qual inganno,
mi riconduce disarmato al campo,
la 've sempre son vinto? e s'io ne scampo,
meraviglia n'avro; s'i' moro, il danno.
Danno non gia, ma pro; si dolci stanno
nel mio cor le faville e 'l chiaro lampo
che l'abbaglia et lo strugge, e 'n ch'io m'avampo,
et son gia ardendo nel vigesimo anno.
Sento i messi di Morte, ove apparire
veggio i belli occhi, et folgorar da lunge;
poi, s'aven ch'appressando a me li gire,
Amor con tal dolcezza m'unge et punge,
ch'i' nol so ripensar, nonche ridire:
che ne 'ngegno ne lingua al vero agiunge.


222
" Liete et pensose, accompagnate et sole,
donne che ragionando ite per via,
ove e la vita, ove la morte mia?
perche non e con voi, com'ella sole?
" Liete siam per memoria di quel sole;
dogliose per sua dolce compagnia,
la qual ne toglie Invidia et Gelosia,
che d'altrui ben, quasi suo mal, si dole.
" Chi pon freno a li amanti, o da lor legge?
" Nesun a l'alma; al corpo Ira et Asprezza:
questo or in lei, tal or si prova in noi.
Ma spesso ne la fronte il cor si legge:
si vedemmo oscurar l'alta bellezza,
et tutti rugiadosi li occhi suoi.


223
Quando 'l sol bagna in mar l'aurato carro,
et l'aere nostro et la mia mente imbruna,
col cielo et co le stelle et co la luna
un'angosciosa et dura notte innarro.
Poi, lasso, a tal che non m'ascolta narro
tutte le mie fatiche, ad una ad una,
et col mondo et con mia cieca fortuna,
con Amor con Madonna et meco garro.
Il sonno e 'n bando, et del riposo e nulla;
ma sospiri et lamenti infin a l'alba,
et lagrime che l'alma a li occhi invia.
Vien poi l'aurora, et l'aura fosca inalba,
me no: ma 'l sol che 'l cor m'arde et trastulla,
quel po solo adolcir la doglia mia.


224
S'una fede amorosa, un cor non finto,
un languir dolce, un desiar cortese;
s'oneste voglie in gentil foco accese,
un lungo error in cieco laberinto;
se ne la fronte ogni penser depinto,
od in voci interrotte a pena intese,
or da paura, or da vergogna offese;
s'un pallor di viola et d'amor tinto;
s'aver altrui piu caro che se stesso;
se sospirare et lagrimar mai sempre,
pascendosi di duol, d'ira et d'affanno,
s'arder da lunge et agghiacciar da presso
son le cagion ch'amando i' mi distempre,
vostro, donna, 'l peccato, et mio fia 'l danno.


225
Dodici donne honestamente lasse,
anzi dodici stelle, e 'n mezzo un sole,
vidi in una barchetta allegre et sole,
qual non so s'altra mai onde solcasse.
Simil non credo che Iason portasse
al vello onde oggi ogni uom vestir si vole,
ne 'l pastor di ch'anchor Troia si dole;
de' qua' duo tal romor al mondo fasse.
Poi le vidi in un carro triumfale,
Laurea mia con suoi santi atti schifi
sedersi in parte, et cantar dolcemente.
Non cose humane, o vision mortale:
felice Autumedon, felice Tiphi,
che conduceste si leggiadra gente!


226
Passer mai solitario in alcun tetto
non fu quant'io, ne fera in alcun bosco,
ch'i' non veggio 'l bel viso, et non conosco
altro sol, ne quest'occhi ann'altro obiecto.
Lagrimar sempre e 'l mio sommo diletto,
il rider doglia, il cibo assentio et tosco,
la notte affanno, e 'l ciel seren m'e fosco,
et duro campo di battaglia il letto.
Il sonno e veramente, qual uom dice,
parente de la morte, e 'l cor sottragge
a quel dolce penser che 'n vita il tene.
Solo al mondo paese almo, felice,
verdi rive fiorite, ombrose piagge,
voi possedete, et io piango, il mio bene.


227
Aura che quelle chiome bionde et crespe
cercondi et movi, et se' mossa da loro,
soavemente, et spargi quel dolce oro,
et poi 'l raccogli, e 'n bei nodi il rincrespe,
tu stai nelli occhi ond'amorose vespe
mi pungon si, che 'nfin qua il sento et ploro,
et vacillando cerco il mio thesoro,
come animal che spesso adombre e 'ncespe:
ch'or me 'l par ritrovar, et or m'accorgo
ch'i' ne son lunge, or mi sollievo or caggio,
ch'or quel ch'i' bramo, or quel ch'e vero scorgo.
Aer felice, col bel vivo raggio
rimanti; et tu corrente et chiaro gorgo,
che non poss'io cangiar teco viaggio?


228
Amor co la man dextra il lato manco
m'aperse, e piantovi entro in mezzo 'l core
un lauro verde, si che di colore
ogni smeraldo avria ben vinto et stanco.
Vomer di pena, con sospir' del fianco,
e 'l piover giu dalli occhi un dolce humore
l'addornar si, ch'al ciel n'ando l'odore,
qual non so gia se d'altre frondi unquanco.
Fama, Honor et Vertute et Leggiadria,
casta bellezza in habito celeste
son le radici de la nobil pianta.
Tal la mi trovo al petto, ove ch'i' sia,
felice incarco; et con preghiere honeste
l'adoro e 'nchino come cosa santa.


229
Cantai, or piango, et non men di dolcezza
del pianger prendo che del canto presi,
ch'a la cagion, non a l'effetto, intesi
son i miei sensi vaghi pur d'altezza.
Indi et mansuetudine et durezza
et atti feri, et humili et cortesi,
porto egualmente, ne me gravan pesi,
ne l'arme mie punta di sdegni spezza.
Tengan dunque ver' me l'usato stile
Amor, madonna, il mondo et mia fortuna,
ch'i'non penso esser mai se non felice.
Viva o mora o languisca, un piu gentile
stato del mio non e sotto la luna,
si dolce e del mio amaro la radice.


230
I' piansi, or canto, che 'l celeste lume
quel vivo sole alli occhi miei non cela,
nel qual honesto Amor chiaro revela
sua dolce forza et suo santo costume;
onde e' suol trar di lagrime tal fiume,
per accorciar del mio viver la tela,
che non pur ponte o guado o remi o vela,
ma scampar non potienmi ale ne piume.
Si profondo era et di si larga vena
il pianger mio et si lunge la riva,
ch'i' v'aggiungeva col penser a pena.
Non lauro o palma, ma tranquilla oliva
Pieta mi manda, e 'l tempo rasserena,
e 'l pianto asciuga, et vuol anchor ch'i' viva.


231

I' mi vivea di mia sorte contento,
senza lagrime et senza invidia alcuna,
che, s'altro amante a piu destra fortuna,
mille piacer' non vaglion un tormento.
Or quei belli occhi ond'io mai non mi pento
de le mie pene, et men non ne voglio una,
tal nebbia copre, si gravosa et bruna,
che 'l sol de la mia vita a quasi spento.
O Natura, pietosa et fera madre,
onde tal possa et si contrarie voglie
di far cose et disfar tanto leggiadre?
D'un vivo fonte ogni poder s'accoglie:
ma Tu come 'l consenti, o sommo Padre,
che del Tuo caro dono altri ne spoglie?


232
Vincitore Alexandro l'ira vinse,
et fe' 'l minore in parte che Philippo:
che li val se Pyrgotile et Lysippo
l'intagliar solo et Appelle il depinse?
L'ira Tydeo a tal rabbia sospinse,
che, morendo ei, si rose Menalippo;
l'ira cieco del tutto, non pur lippo,
fatto avea Silla: a l'ultimo l'extinse.
Sa 'l Valentinian, ch'a simil pena
ira conduce: et sa 'l quei che ne more,
Aiace in molti, et poi in se stesso, forte.
Ira e breve furore, et chi nol frena,
e furor lungo, che 'l suo possessore
spesso a vergogna, et talor mena a morte.


233
Qual ventura mi fu, quando da l'uno
de' duo i piu belli occhi che mai furo,
mirandol di dolor turbato et scuro,
mosse vertu che fe' 'l mio infermo et bruno!
Send'io tornato a solver il digiuno
di veder lei che sola al mondo curo,
fummi il Ciel et Amor men che mai duro,
se tutte altre mie gratie inseme aduno:
che dal dextr'occhio, anzi dal dextro sole,
de la mia donna al mio dextr'occhio venne
il mal che mi diletta, et non mi dole;
et pur com'intellecto avesse et penne,
passo quasi una stella che 'n ciel vole;
et Natura et Pietate il corso tenne.


234
O cameretta che gia fosti un porto
a le gravi tempeste mie diurne,
fonte se' or di lagrime nocturne,
che 'l di celate per vergogna porto.
O letticciuol che requie eri et conforto
in tanti affanni, di che dogliose urne
ti bagna Amor, con quelle mani eburne,
solo ver 'me crudeli a si gran torto!
Ne pur il mio secreto e 'l mio riposo
fuggo, ma piu me stesso e 'l mio pensero,
che, seguendol, talor levommi a volo;
e 'l vulgo a me nemico et odioso
(ch 'l penso mai?) per mio refugio chero:
tal paura o di ritrovarmi solo.


235
Lasso, Amor mi trasporta ov'io non voglio,
et ben m'accorgo che 'l dever si varcha,
onde, a chi nel mio cor siede monarcha,
sono importuno assai piu ch'i' non soglio;
ne mai saggio nocchier guardo da scoglio
nave di merci preciose carcha,
quant'io sempre la debile mia barcha
da le percosse del suo duro orgoglio.
Ma lagrimosa pioggia et fieri venti
d'infiniti sospiri or l'anno spinta,
ch'e nel mio mare horribil notte et verno,
ov'altrui noie, a se doglie et tormenti
porta, et non altro, gia da l'onde vinta,
disarmata di vele et di governo.


236
Amor, io fallo, et veggio il mio fallire,
ma fo si com'uom ch'arde e 'l foco a 'n seno,
che 'l duol pur cresce, et la ragion ven meno
et e gia quasi vinta dal martire.
Solea frenare il mio caldo desire,
per non turbare il bel viso sereno:
non posso piu; di man m'ai tolto il freno,
et l'alma desperando a preso ardire.
Pero s'oltra suo stile ella s'aventa,
tu 'l fai, che si l'accendi, et si la sproni,
ch'ogni aspra via per sua salute tenta;
et piu 'l fanno i celesti et rari doni
ch'a in se madonna: or fa' almen ch'ella il senta,
et le mie colpe a se stessa perdoni.


237
Non a tanti animali il mar fra l'onde,
ne lassu sopra 'l cerchio de la luna
vide mai tante stelle alcuna notte,
ne tanti augelli albergan per li boschi,
ne tant'erbe ebbe mai il campo ne piaggia,
quant'a 'l io mio cor pensier' ciascuna sera.
Di di in di spero ormai l'ultima sera
che scevri in me dal vivo terren l'onde
et mi lasci dormire in qualche piaggia,
che tanti affanni uom mai sotto la luna
non sofferse quant'io: sannolsi i boschi,
che sol vo ricercando giorno et notte.
Io non ebbi gia mai tranquilla notte,
ma sospirando andai matino et sera,
poi ch'Amor femmi un cittadin de' boschi.
Ben fia, prima ch'i' posi, il mar senz'onde,
et la sua luce avra 'l sol da la luna,
e i fior d'april morranno in ogni piaggia.
Consumando mi vo di piaggia in piaggia
el di pensoso, poi piango la notte;
ne stato o mai, se non quanto la luna.
Ratto come imbrunir veggio la sera,
sospir' del petto, et de li occhi escono onde
da bagnar l'erbe, et da crollare i boschi.
Le citta son nemiche, amici i boschi,
a'miei pensier', che per quest'alta piaggia
sfogando vo col mormorar de l'onde,
per lo dolce silentio de la notte:
tal ch'io aspetto tutto 'l di la sera,
che 'l sol si parta et dia luogo a la luna.
Deh or foss'io col vago de la luna
adormentato in qua' che verdi boschi,
et questa ch'anzi vespro a me fa sera,
con essa et con Amor in quella piaggia
sola venisse a starsi ivi una notte;
e 'l di si stesse e 'l sol sempre ne l'onde.
Sovra dure onde, al lume de la luna
canzon nata di notte in mezzo i boschi,
ricca di piaggia vedrai deman da sera.


238
Real natura, angelico intelletto,
chiara alma, pronta vista, occhio cerviero,
providentia veloce, alto pensero,
et veramente degno di quel petto:
sendo di donne un bel numero eletto
per adornar il di festo et altero,
subito scorse il buon giudicio intero
fra tanti, et si bei, volti il piu perfetto.
L'altre maggior' di tempo o di fortuna
trarsi in disparte comando con mano,
et caramente accolse a se quell'una.
Li occhi et la fronte con sembiante humano
basciolle si che rallegro ciascuna:
me empie d'invidia l'atto dolce et strano.


239
La ver' l'aurora, che si dolce l'aura
al tempo novo suol movere i fiori,
et li augelletti incominciar lor versi,
si dolcemente i pensier' dentro a l'alma
mover mi sento a chi li a tutti in forza,
che ritornar convenmi a le mie note.
Temprar potess'io in si soavi note
i miei sospiri ch'addolcissen Laura,
faccendo a lei ragion ch'a me fa forza!
Ma pria fia 'l verno la stagion de' fiori,
ch'amor fiorisca in quella nobil alma,
che non curo gia mai rime ne versi.
Quante lagrime, lasso, et quanti versi
o gia sparti al mio tempo, e 'n quante note
o riprovato humiliar quell'alma!
Ella si sta com'aspr'alpe a l'aura
dolce, la qual ben move frondi et fiori,
ma nulla po se 'ncontra maggior forza.
Homini et dei solea vincer per forza
Amor, come si legge in prose e 'n versi:
et io 'l provai in sul primo aprir de' fiori.
Ora ne 'l mio signor ne le sue note
ne 'l pianger mio ne i preghi pon far Laura
trarre o di vita o di martir quest'alma.
A l'ultimo bisogno, o misera alma,
accampa ogni tuo ingegno, ogni tua forza,
mentre fra noi di vita alberga l'aura.
Nulla al mondo e che non possano i versi;
et li aspidi incantar sanno in lor note,
nonche 'l gielo adornar con novi fiori.
Ridon or per le piagge herbette et fiori:
esser non po che quella angelica alma
non senta il suon de l'amorose note.
Se nostra ria fortuna e di piu forza,
lagrimando et cantando i nostri versi
et col bue zoppo andrem cacciando l'aura.
In rete accolgo l'aura, e 'n ghiaccio i fiori,
e 'n versi tento sorda et rigida alma,
che ne forza d'Amor prezza ne note.


240
I' o pregato Amor, e 'l ne riprego,
che mi scusi appo voi, dolce mia pena,
amaro mio dilecto, se con piena
fede dal dritto mio sentier mi piego.
I' nol posso negar, donna, et nol nego,
che la ragion, ch'ogni bona alma affrena,
non sia dal voler vinta; ond'ei mi mena
talor in parte ov'io per forza il sego.
Voi, con quel cor, che di si chiaro ingegno,
di si alta vertute il cielo alluma,
quanto mai piovve da benigna stella,
devete dir, pietosa et senza sdegno:
Che po questi altro? il mio volto il consuma:
ei perche ingordo, et io perchè si bella?

Leggi le Poesie di Francesco Petrarca