Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoniere di Francesco Petrarca
181-210

181
Amor fra l'erbe una leggiadra rete
d'oro et di perle tese sott'un ramo
dell'arbor sempre verde ch'i' tant'amo,
benche n'abbia ombre piu triste che liete.
L'esca fu 'l seme ch'egli sparge et miete,
dolce et acerbo, ch'i' pavento et bramo;
le note non fur mai, dal di ch'Adamo
aperse gli occhi, si soavi et quete.
E 'l chiaro lume che sparir fa 'l sole
folgorava d'intorno: e 'l fune avolto
era la man ch'avorio et neve avanza.
Cosi caddi a la rete, et qui m'an colto
gli atti vaghi et l'angeliche parole,
e 'l piacer e 'l desire et la speranza.

182
Amor, che 'ncende il cor d'ardente zelo,
di gelata paura il ten constretto,
et qual sia piu, fa dubbio a l'intellecto,
la speranza o 'l temor, la fiamma o 'l gielo.
Trem'al piu caldo, ard'al piu freddo cielo,
sempre pien di desire et di sospetto,
pur come donna in un vestire schietto
celi un huom vivo, o sotto un picciol velo.
Di queste pene e mia propia la prima,
arder di et notte; et quanto e 'l dolce male
ne 'n penser cape, nonche 'n versi o 'n rima;
l'altra non gia: che 'l mio bel foco e tale
ch'ogni uom pareggia; et del suo lume in cima
chi volar pensa, indarno spiega l'ale.

183
Se 'l dolce sguardo di costei m'ancide,
et le soavi parolette accorte,
et s'Amor sopra me la fa si forte
sol quando parla, over quando sorride,
lasso, che fia, se forse ella divide,
o per mia colpa o per malvagia sorte,
gli occhi suoi da Merce, si che di morte,
la dove or m'assicura, allor mi sfide?
Pero s'i' tremo, et vo col cor gelato,
qualor veggio cangiata sua figura,
questo temer d'antiche prove e nato.
Femina e cosa mobil per natura:
ond'io so ben ch'un amoroso stato
in cor di donna picciol tempo dura.

184
Amor, Natura, et la bella alma humile,
ov'ogn'altra vertute alberga et regna,
contra men son giurati: Amor s'ingegna
ch'i' mora a fatto, e 'n cio segue suo stile;
Natura ten costei d'un si gentile
laccio, che nullo sforzo e che sostegna;
ella e si schiva, ch'abitar non degna
piu ne la vita faticosa et vile.
Cosi lo spirto d'or in or ven meno
a quelle belle care membra honeste
che specchio eran di vera leggiadria;
et s'a Morte Pieta non stringe 'l freno,
lasso, ben veggio in che stato son queste
vane speranze, ond'io viver solia.

185
Questa fenice de l'aurata piuma
al suo bel collo, candido, gentile,
forma senz'arte un si caro monile,
ch'ogni cor addolcisce, e 'l mio consuma:
forma un diadema natural ch'alluma
l'aere d'intorno; e 'l tacito focile
d'Amor tragge indi un liquido sottile
foco che m'arde a la piu algente bruma.
Purpurea vesta d'un ceruleo lembo
sparso di rose i belli homeri vela:
novo habito, et bellezza unica et sola.
Fama ne l'odorato et ricco grembo
d'arabi monti lei ripone et cela,
che per lo nostro ciel si altera vola.

186
Se Virgilio et Homero avessin visto
quel sole il qual vegg'io con gli occhi miei,
tutte lor forze in dar fama a costei
avrian posto, et l'un stil coll'altro misto:
di che sarebbe Enea turbato et tristo,
Achille, Ulixe et gli altri semidei,
et quel che resse anni cinquantasei
si bene il mondo et quel ch'ancise Egisto.
Quel fior anticho di vertuti et d'arme
come sembiante stella ebbe con questo
novo fior d'onestate et di bellezze!
Ennio di quel canto ruvido carme,
di quest'altro io: et oh pur non molesto
gli sia il mio ingegno, e 'l mio lodar non sprezze!

187
Giunto Alexandro a la famosa tomba
del fero Achille, sospirando disse:
O fortunato, che si chiara tromba
trovasti, et chi di te si alto scrisse!
Ma questa pura et candida colomba
a cui non so s'al mondo mai par visse,
nel mio stil frale assai poco rimbomba:
cosi son le sue sorti a ciascun fisse.
Che d'Omero dignissima et d'Orpheo,
o del pastor ch'anchor Mantova honora,
ch'andassen sempre lei sola cantando,
stella difforme et fato sol qui reo
commise a tal che 'l suo bel nome adora,
ma forse scema sue lode parlando.

188
Almo Sol, quella fronde ch'io sola amo,
tu prima amasti, or sola al bel soggiorno
verdeggia, et senza par poi che l'addorno
suo male et nostro vide in prima Adamo.
Stiamo a mirarla: i' ti pur prego et chiamo,
o Sole; et tu pur fuggi, et fai d'intorno
ombrare i poggi, et te ne porti il giorno,
et fuggendo mi toi quel ch'i' piu bramo.
L'ombra che cade da quel' humil colle,
ove favilla il mio soave foco,
ove 'l gran lauro fu picciola verga,
crescendo mentr'io parlo, agli occhi tolle
la dolce vista del beato loco,
ove 'l mio cor co la sua donna alberga.

189
Passa la nave mia colma d'oblio
per aspro mare, a mezza notte il verno,
enfra Scilla et Caribdi; et al governo
siede 'l signore, anzi 'l nimico mio.
A ciascun remo un penser pronto et rio
che la tempesta e 'l fin par ch'abbi a scherno;
la vela rompe un vento humido eterno
di sospir', di speranze, et di desio.
Pioggia di lagrimar, nebbia di sdegni
bagna et rallenta le gia stanche sarte,
che son d'error con ignorantia attorto.
Celansi i duo mei dolci usati segni;
morta fra l'onde e la ragion et l'arte,
tal ch'incomincio a desperar del porto.

190
Una candida cerva sopra l'erba
verde m'apparve, con duo corna d'oro,
fra due riviere, all'ombra d'un alloro,
levando 'l sole a la stagione acerba.
Era sua vista si dolce superba,
ch'i' lasciai per seguirla ogni lavoro:
come l'avaro che 'n cercar tesoro
con diletto l'affanno disacerba.
" Nessun mi tocchi " al bel collo d'intorno
scritto avea di diamanti et di topazi :
" libera farmi al mio Cesare parve ".
Et era 'l sol gia volto al mezzo giorno,
gli occhi miei stanchi di mirar, non sazi,
quand'io caddi ne l'acqua, et ella sparve.

Commenti

Potrebbero interessarti