Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoniere di Francesco Petrarca 
151-180


151
Non d'atra et tempestosa onda marina
fuggio in porto gia mai stanco nocchiero,
com'io dal fosco et torbido pensero
fuggo ove 'l gran desio mi sprona e 'nchina.
Ne mortal vista mai luce divina
vinse, come la mia quel raggio altero
del bel dolce soave bianco et nero,
in che i suoi strali Amor dora et affina.
Cieco non gia, ma pharetrato il veggo;
nudo, se non quanto vergogna il vela;
garzon con ali: non pinto, ma vivo.
Indi mi mostra quel ch'a molti cela,
ch'a parte a parte entro a' begli occhi leggo
quant'io parlo d'Amore, et quant'io scrivo.

152
Questa humil fera, un cor di tigre o d'orsa,
che 'n vista humana e 'n forma d'angel vene,
in riso e 'n pianto, fra paura et spene
mi rota si ch'ogni mio stato inforsa.
Se 'n breve non m'accoglie o non mi smorsa,
ma pur come suol far tra due mi tene,
per quel ch'io sento al cor gir fra le vene
dolce veneno, Amor, mia vita e corsa.
Non po piu la vertu fragile et stanca
tante varietati omai soffrire,
che 'n un punto arde, agghiaccia, arrossa e 'nbianca.
Fuggendo spera i suoi dolor' finire,
come colei che d'ora in hora manca:
che ben po nulla chi non po morire.

153
Ite, caldi sospiri, al freddo core,
rompete il ghiaccio che Pieta contende,
et se prego mortale al ciel s'intende,
morte o merce sia fine al mio dolore.
Ite, dolci penser', parlando fore
di quello ove 'l bel guardo non s'estende:
se pur sua asprezza o mia stella n'offende,
sarem fuor di speranza et fuor d'errore.
Dir se po ben per voi, non forse a pieno,
che 'l nostro stato e inquieto et fosco,
si come 'l suo pacifico et sereno.
Gite securi omai, ch'Amor ven vosco;
et ria fortuna po ben venir meno,
s'ai segni del mio sol l'aere conosco.

154
Le stelle, il cielo et gli elementi a prova
tutte lor arti et ogni extrema cura
poser nel vivo lume, in cui Natura
si specchia, e 'l Sol ch'altrove par non trova.
L'opra e si altera, si leggiadra et nova
che mortal guardo in lei non s'assecura:
tanta negli occhi bei for di misura
par ch'Amore et dolcezza et gratia piova.
L'aere percosso da' lor dolci rai
s'infiamma d'onestate, et tal diventa,
che 'l dir nostro e 'l penser vince d'assai.
Basso desir non e ch'ivi si senta,
ma d'onor, di vertute: or quando mai
fu per somma belta vil voglia spenta?

155
Non fur ma' Giove et Cesare si mossi,
a folminar collui, questo a ferire,
che Pieta non avesse spente l'ire,
e lor de l'usate arme ambeduo scossi.
Piangea madonna, e 'l mio signor ch'i' fossi
volse a vederla, et i suoi lamenti a udire,
per colmarmi di doglia et di desire,
et ricercarmi le medolle et gli ossi.
Quel dolce pianto mi depinse Amore,
anzi scolpio, et que' detti soavi
mi scrisse entro un diamante in mezzo 'l core;
ove con salde ed ingegnose chiavi
ancor torna sovente a trarne fore
lagrime rare et sospir' lunghi et gravi.

156
I' vidi in terra angelici costumi
et celesti bellezze al mondo sole,
tal che di rimembrar mi giova et dole,
che quant'io miro par sogni, ombre et fumi;
et vidi lagrimar que' duo bei lumi,
ch'an fatto mille volte invidia al sole;
et udi' sospirando dir parole
che farian gire i monti et stare i fiumi.
Amor, Senno, Valor, Pietate, et Doglia
facean piangendo un piu dolce concento
d'ogni altro che nel mondo udir si soglia;
ed era il cielo a l'armonia si intento
che non se vedea in ramo mover foglia,
tanta dolcezza avea pien l'aere e 'l vento.

157
Quel sempre acerbo et honorato giorno
mando si al cor l'imagine sua viva
che 'ngegno o stil non fia mai che 'l descriva,
ma spesso a lui co la memoria torno.
L'atto d'ogni gentil pietate adorno,
e 'l dolce amaro lamentar ch'i' udiva,
facean dubbiar, se mortal donna o diva
fosse che 'l ciel rasserenava intorno.
La testa or fino, et calda neve il volto,
hebeno i cigli, et gli occhi eran due stelle,
onde Amor l'arco non tendeva in fallo;
perle et rose vermiglie, ove l'accolto
dolor formava ardenti voci et belle;
fiamma i sospir', le lagrime cristallo.

158
Ove ch'i' posi gli occhi lassi o giri
per quetar la vaghezza che gli spinge,
trovo chi bella donna ivi depinge
per far sempre mai verdi i miei desiri.
Con leggiadro dolor par ch'ella spiri
alta pieta che gentil core stringe:
oltra la vista, agli orecchi orna e 'nfinge
sue voci vive et suoi sancti sospiri.
Amor e 'l ver fur meco a dir che quelle
ch'i' vidi, eran bellezze al mondo sole,
mai non vedute piu sotto le stelle.
Ne si pietose et si dolci parole
s'udiron mai, ne lagrime si belle
di si belli occhi uscir vide mai 'l sole.

159
In qual parte del ciel, in quale idea
era l'exempio, onde Natura tolse
quel bel viso leggiadro, in ch'ella volse
mostrar qua giu quanto lassu potea?
Qual nimpha in fonti, in selve mai qual dea,
chiome d'oro si fino a l'aura sciolse?
quando un cor tante in se vertuti accolse?
benche la somma e di mia morte rea.
Per divina bellezza indarno mira
chi gli occhi de costei gia mai non vide
come soavemente ella gli gira;
non sa come Amor sana, et come ancide,
chi non sa come dolce ella sospira,
et come dolce parla, et dolce ride.

160
Amor et io si pien' di meraviglia
come chi mai cosa incredibil vide,
miriam costei quand'ella parla o ride
che sol se stessa, et nulla altra, simiglia.
Dal bel seren de le tranquille ciglia
sfavillan si le mie due stelle fide,
ch'altro lume non e ch'infiammi et guide
chi d'amar altamente si consiglia.
Qual miracolo e quel, quando tra l'erba
quasi un fior siede, over quand'ella preme
col suo candido seno un verde cespo!
Qual dolcezza e ne la stagione acerba
vederla ir sola co i pensier' suoi inseme,
tessendo un cerchio a l'oro terso et crespo!



161

O passi sparsi, o pensier' vaghi et pronti,
o tenace memoria, o fero ardore,
o possente desire, o debil core,
oi occhi miei, occhi non gia, ma fonti!
O fronde, honor de le famose fronti,
o sola insegna al gemino valore!
O faticosa vita, o dolce errore,
che mi fate ir cercando piagge et monti!
O bel viso ove Amor inseme pose
gli sproni e 'l fren ond'el mi punge et volve,
come a lui piace, et calcitrar non vale!
O anime gentili et amorose,
s'alcuna a 'l mondo, et voi nude ombre et polve,
deh ristate a veder quale e 'l mio male.

162
Lieti fiori et felici, et ben nate herbe
che madonna pensando premer sole;
piaggia ch'ascolti sue dolci parole,
et del bel piede alcun vestigio serbe;
schietti arboscelli et verdi frondi acerbe,
amorosette et pallide viole;
ombrose selve, ove percote il sole
che vi fa co' suoi raggi alte et superbe;
o soave contrada, o puro fiume,
che bagni il suo bel viso et gli occhi chiari
et prendi qualita dal vivo lume;
quanto v'invidio gli atti honesti et cari!
Non fia in voi scoglio omai che per costume
d'arder co la mia fiamma non impari.

163
Amor, che vedi ogni pensero aperto
e i duri passi onde tu sol mi scorgi,
nel fondo del mio cor gli occhi tuoi porgi,
a te palese, a tutt'altri coverto.
Sai quel che per seguirte o gia sofferto:
et tu pur via di poggio in poggio sorgi,
di giorno in giorno, et di me non t'accorgi
che son si stanco, e 'l sentier m'e troppo erto.
Ben veggio io di lontano il dolce lume
ove aspre vie mi sproni et giri,
ma non o come tu da volar piume.
Assai contenti lasci i miei desiri,
pur che ben desiando i' mi consume,
ne le dispiaccia che per lei sospiri.

164
Or che 'l ciel et la terra e 'l vento tace
et le fere e gli augelli il sonno affrena,
Notte il carro stellato in giro mena
et nel suo letto il mar senz'onda giace,
veggio, penso, ardo, piango; et chi mi sface
sempre m'e inanzi per mia dolce pena:
guerra e 'l mio stato, d'ira et di duol piena,
et sol di lei pensando o qualche pace.
Cosi sol d'una chiara fonte viva
move 'l dolce et l'amaro ond'io mi pasco;
una man sola mi risana et punge;
e perche 'l mio martir non giunga a riva,
mille volte il di moro et mille nasco,
tanto da la salute mia son lunge.

165
Come 'l candido pie' per l'erba fresca
i dolci passi honestamente move,
vertu che 'ntorno i fiori apra et rinove,
de le tenere piante sue par ch'esca.
Amor che solo i cor' leggiadri invesca
ne degna di provar sua forza altrove,
da' begli occhi un piacer si caldo piove
ch'i' non curo altro ben ne bramo altr'esca.
Et co l'andar et col soave sguardo
s'accordan le dolcissime parole,
et l'atto mansueto, humile et tardo.
Di tai quattro faville, et non gia sole,
nasce 'l gran foco, di ch'io vivo et ardo,
che son fatto un augel notturno al sole.

166
S'i' fussi stato fermo a la spelunca
la dove Apollo divento profeta,
Fiorenza avria forse oggi il suo poeta,
non pur Verona et Mantoa et Arunca;
ma perche 'l mio terren piu non s'ingiunca
de l'humor di quel sasso, altro pianeta
conven ch'i' segua, et del mio campo mieta
lappole et stecchi co la falce adunca.
L'oliva e secca, et e rivolta altrove
l'acqua che di Parnaso si deriva,
per cui in alcun tempo ella fioriva.
Cosi sventura over colpa mi priva
d'ogni buon fructo, se l'etterno Giove
de la sua gratia sopra me non piove.

167
Quando Amor i belli occhi a terra inchina
e i vaghi spirti in un sospiro accoglie
co le sue mani, et poi in voce gli scioglie,
chiara, soave, angelica, divina,
sento far del mio cor dolce rapina,
et si dentro cangiar penseri et voglie,
ch'i' dico: Or fien di me l'ultime spoglie,
se 'l ciel si honesta morte mi destina.
Ma 'l suon che di dolcezza i sensi lega
col gran desir d'udendo esser beata
l'anima al dipartir presta raffrena.
Cosi mi vivo, et cosi avolge et spiega
lo stame de la vita che m'e data,
questa sola fra noi del ciel sirena.

168
Amor mi manda quel dolce pensero
che secretario anticho e fra noi due,
et mi conforta, et dice che non fue
mai come or presto a quel ch'io bramo et spero.
Io, che talor menzogna et talor vero
o ritrovato le parole sue,
non so s'i' 'l creda, et vivomi intra due,
ne si ne no nel cor mi sona intero.
In questa passa 'l tempo, et ne lo specchio
mi veggio andar ver' la stagion contraria
a sua impromessa, et a la mia speranza.
Or sia che po: gia sol io non invecchio;
gia per etate il mio desir non varia;
ben temo il viver breve che n'avanza.

169
Pien d'un vago penser che me desvia
da tutti gli altri, et fammi al mondo ir solo,
ad or ad ora a me stesso m'involo
pur lei cercando che fuggir devria;
et veggiola passar si dolce et ria
che l'alma trema per levarsi a volo,
tal d'armati sospir' conduce stuolo
questa bella d'Amor nemica, et mia.
Ben s'i' non erro di pietate un raggio
scorgo fra 'l nubiloso, altero ciglio,
che 'n parte rasserena il cor doglioso:
allor raccolgo l'alma, et poi ch'i' aggio
di scovrirle il mio mal preso consiglio,
tanto gli o a dir, che 'ncominciar non oso.

170
Più volte gia dal bel sembiante humano
o preso ardir co le mie fide scorte
d'assalir con parole honeste accorte
la mia nemica in atto humile et piano.
Fanno poi gli occhi suoi mio penser vano
perch'ogni mia fortuna, ogni mia sorte,
mio ben, mio male, et mia vita, et mia morte,
quei che solo il po far, l'a posto in mano.
Ond'io non pote' mai formar parola
ch'altro che da me stesso fosse intesa:
cosi m'ha fatto Amor tremante et fioco.
E veggi' or ben che caritate accesa
lega la lingua altrui, gli spirti invola:
chi po dir com'egli arde, e 'n picciol foco.



171

Giunto m'a Amor fra belle et crude braccia,
che m'ancidono a torto; et s'io mi doglio,
doppia 'l martir; onde pur, com'io soglio,
il meglio e ch'io mi mora amando, et taccia:
che poria questa il Ren qualor piu agghiaccia
arder con gli occhi, et rompre ogni aspro scoglio;
et a si egual a le bellezze orgoglio,
che di piacer altrui par che le spiaccia.
Nulla posso levar io per mi' 'ngegno
del bel diamante, ond'ell'a il cor si duro;
l'altro e d'un marmo che si mova et spiri:
ned ella a me per tutto 'l suo disdegno
torra gia mai, ne per sembiante oscuro,
le mie speranze, e i miei dolci sospiri.

172
O Invidia nimica di vertute,
ch'a' bei principii volentier contrasti,
per qual sentier cosi tacita intrasti
in quel bel petto, et con qual' arti il mute?
Da radice n'ai svelta mia salute:
troppo felice amante mi mostrasti
a quella che' miei preghi humili et casti
gradi alcun tempo, or par ch'odi et refute.
Ne pero che con atti acerbi et rei
del mio ben pianga, et del mio pianger rida,
poria cangiar sol un de' pensier' mei;
non, perche mille volte il di m'ancida,
fia ch'io non l'ami, et ch'i' non speri in lei:
che s'ella mi spaventa, Amor m'affida.

173
Mirando 'l sol de' begli occhi sereno,
ove e chi spesso i miei depinge et bagna,
dal cor l'anima stanca si scompagna
per gir nel paradiso suo terreno.
Poi trovandol di dolce et d'amar pieno,
quant'al mondo si tesse, opra d'aragna
vede: onde seco et con Amor si lagna,
ch'a si caldi gli spron', si duro 'l freno.
Per questi extremi duo contrari et misti,
or con voglie gelate, or con accese
stassi cosi fra misera et felice;
ma pochi lieti, et molti penser' tristi,
e 'l piu si pente de l'ardite imprese:
tal frutto nasce di cotal radice.

174
Fera stella (se 'l cielo a forza in noi
quant'alcun crede) fu sotto ch'io nacqui,
et fera cuna, dove nato giacqui,
et fera terra, ove' pie' mossi poi;
et fera donna, che con gli occhi suoi,
et con l'arco a cui sol per segno piacqui,
fe' la piaga onde, Amor, teco non tacqui,
che con quell'arme risaldar la poi.
Ma tu prendi a diletto i dolor' miei:
ella non gia, perche non son piu duri,
e 'l colpo e di saetta, et non di spiedo.
Pur mi consola che languir per lei
meglio e, che gioir d'altra; et tu me 'l giuri
per l'orato tuo strale, et io tel credo.

175
Quando mi vene inanzi il tempo e 'l loco
ov'i' perdei me stesso, e 'l caro nodo
ond'Amor di sua man m'avinse in modo
che l'amar mi fe' dolce, e 'l pianger gioco,
solfo et esca son tutto, e 'l cor un foco
da quei soavi spirti, i quai sempre odo,
acceso dentro si, ch'ardendo godo,
et di cio vivo, et d'altro mi cal poco.
Quel sol, che solo agli occhi miei resplende,
co i vaghi raggi anchor indi mi scalda
a vespro tal qual era oggi per tempo;
et cosi di lontan m'alluma e 'ncende,
che la memoria ad ognor fresca et salda
pur quel nodo mi mostra e 'l loco e 'l tempo.

176
Per mezz'i boschi inhospiti et selvaggi,
onde vanno a gran rischio uomini et arme,
vo securo io, che non po spaventarme
altri che 'l sol ch'a d'amor vivo i raggi;
et vo cantando (o penser' miei non saggi!)
lei che 'l ciel non poria lontana farme,
ch'i' l'o negli occhi, et veder seco parme
donne et donzelle, et son abeti et faggi.
Parme d'udirla, udendo i rami et l'ore
et le frondi, et gli augei lagnarsi, et l'acque
mormorando fuggir per l'erba verde.
Raro un silentio, un solitario horrore
d'ombrosa selva mai tanto mi piacque:
se non che dal mio sol troppo si perde.

177
Mille piagge in un giorno et mille rivi
mostrato m'a per la famosa Ardenna
Amor, ch'a' suoi le piante e i cori impenna
per fargli al terzo ciel volando ir vivi.
Dolce m'e sol senz'arme esser stato ivi,
dove armato fier Marte, et non acenna,
quasi senza governo et senza antenna
legni in mar, pien di penser' gravi et schivi.
Pur giunto al fin de la giornata oscura,
rimembrando ond'io vegno, et con quai piume,
sento di troppo ardir nascer paura.
Ma 'l bel paese e 'l difectoso fiume
con serena accoglienza rassecura
il cor gia volto ov'abita il suo lume.

178
Amor mi sprona in un tempo et affrena,
assecura et spaventa, arde et agghiaccia,
gradisce et sdegna, a se mi chiama et scaccia,
or mi tene in speranza et or in pena,
or alto or basso il meo cor lasso mena:
onde 'l vago desir perde la traccia
e 'l suo sommo piacer per che li spiaccia,
d'error si novo la mia mente e piena.
Un amico penser le mostra il vado,
non d'acqua che per gli occhi si resolva,
da gir tosto ove spera esser contenta;
poi, quasi maggior forza indi la svolva,
conven ch'altra via segua, et mal suo grado
a la sua lunga, et mia, morte consenta.

179
Geri, quando talor meco s'adira
la mia dolce nemica, ch'e si altera,
un conforto m'e dato ch'i' non pera,
solo per cui vertu l'alma respira.
Ovunque ella sdegnando li occhi gira
(che di luce privar mia vita spera?)
le mostro i miei pien' d'umilta si vera,
ch'a forza ogni suo sdegno indietro tira.
E ccio non fusse, andrei non altramente
a veder lei, che 'l volto di Medusa,
che facea marmo diventar la gente.
Cosi dunque fa' tu: ch'i' veggio exclusa
ogni altra aita, e 'l fuggir val niente
dinanzi a l'ali che 'l signor nostro usa.

180
Po, ben puo' tu portartene la scorza
di me con tue possenti et rapide onde,
ma lo spirto ch'iv'entro si nasconde
non cura ne di tua ne d'altrui forza;
lo qual senz'alternar poggia con orza
dritto perl'aure suo desir seconde,
battendo l'ali verso l'aurea fronde,
l'acqua e 'l vento e la vela e i remi sforza.
Re degli altri, superbo altero fiume,
che 'ncontri 'l sol quando e'ne mena 'l giorno,
e 'n ponente abandoni un piu bel lume,
tu te ne vai col mio mortal sul corno;
l'altro coverto d'amorose piume
torna volando al suo dolce soggiorno.

Leggi le Poesie di Francesco Petrarca