Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


171

Giunto m'a Amor fra belle et crude braccia,
che m'ancidono a torto; et s'io mi doglio,
doppia 'l martir; onde pur, com'io soglio,
il meglio e ch'io mi mora amando, et taccia:
che poria questa il Ren qualor piu agghiaccia
arder con gli occhi, et rompre ogni aspro scoglio;
et a si egual a le bellezze orgoglio,
che di piacer altrui par che le spiaccia.
Nulla posso levar io per mi' 'ngegno
del bel diamante, ond'ell'a il cor si duro;
l'altro e d'un marmo che si mova et spiri:
ned ella a me per tutto 'l suo disdegno
torra gia mai, ne per sembiante oscuro,
le mie speranze, e i miei dolci sospiri.

172
O Invidia nimica di vertute,
ch'a' bei principii volentier contrasti,
per qual sentier cosi tacita intrasti
in quel bel petto, et con qual' arti il mute?
Da radice n'ai svelta mia salute:
troppo felice amante mi mostrasti
a quella che' miei preghi humili et casti
gradi alcun tempo, or par ch'odi et refute.
Ne pero che con atti acerbi et rei
del mio ben pianga, et del mio pianger rida,
poria cangiar sol un de' pensier' mei;
non, perche mille volte il di m'ancida,
fia ch'io non l'ami, et ch'i' non speri in lei:
che s'ella mi spaventa, Amor m'affida.

173
Mirando 'l sol de' begli occhi sereno,
ove e chi spesso i miei depinge et bagna,
dal cor l'anima stanca si scompagna
per gir nel paradiso suo terreno.
Poi trovandol di dolce et d'amar pieno,
quant'al mondo si tesse, opra d'aragna
vede: onde seco et con Amor si lagna,
ch'a si caldi gli spron', si duro 'l freno.
Per questi extremi duo contrari et misti,
or con voglie gelate, or con accese
stassi cosi fra misera et felice;
ma pochi lieti, et molti penser' tristi,
e 'l piu si pente de l'ardite imprese:
tal frutto nasce di cotal radice.

174
Fera stella (se 'l cielo a forza in noi
quant'alcun crede) fu sotto ch'io nacqui,
et fera cuna, dove nato giacqui,
et fera terra, ove' pie' mossi poi;
et fera donna, che con gli occhi suoi,
et con l'arco a cui sol per segno piacqui,
fe' la piaga onde, Amor, teco non tacqui,
che con quell'arme risaldar la poi.
Ma tu prendi a diletto i dolor' miei:
ella non gia, perche non son piu duri,
e 'l colpo e di saetta, et non di spiedo.
Pur mi consola che languir per lei
meglio e, che gioir d'altra; et tu me 'l giuri
per l'orato tuo strale, et io tel credo.

175
Quando mi vene inanzi il tempo e 'l loco
ov'i' perdei me stesso, e 'l caro nodo
ond'Amor di sua man m'avinse in modo
che l'amar mi fe' dolce, e 'l pianger gioco,
solfo et esca son tutto, e 'l cor un foco
da quei soavi spirti, i quai sempre odo,
acceso dentro si, ch'ardendo godo,
et di cio vivo, et d'altro mi cal poco.
Quel sol, che solo agli occhi miei resplende,
co i vaghi raggi anchor indi mi scalda
a vespro tal qual era oggi per tempo;
et cosi di lontan m'alluma e 'ncende,
che la memoria ad ognor fresca et salda
pur quel nodo mi mostra e 'l loco e 'l tempo.

176
Per mezz'i boschi inhospiti et selvaggi,
onde vanno a gran rischio uomini et arme,
vo securo io, che non po spaventarme
altri che 'l sol ch'a d'amor vivo i raggi;
et vo cantando (o penser' miei non saggi!)
lei che 'l ciel non poria lontana farme,
ch'i' l'o negli occhi, et veder seco parme
donne et donzelle, et son abeti et faggi.
Parme d'udirla, udendo i rami et l'ore
et le frondi, et gli augei lagnarsi, et l'acque
mormorando fuggir per l'erba verde.
Raro un silentio, un solitario horrore
d'ombrosa selva mai tanto mi piacque:
se non che dal mio sol troppo si perde.

177
Mille piagge in un giorno et mille rivi
mostrato m'a per la famosa Ardenna
Amor, ch'a' suoi le piante e i cori impenna
per fargli al terzo ciel volando ir vivi.
Dolce m'e sol senz'arme esser stato ivi,
dove armato fier Marte, et non acenna,
quasi senza governo et senza antenna
legni in mar, pien di penser' gravi et schivi.
Pur giunto al fin de la giornata oscura,
rimembrando ond'io vegno, et con quai piume,
sento di troppo ardir nascer paura.
Ma 'l bel paese e 'l difectoso fiume
con serena accoglienza rassecura
il cor gia volto ov'abita il suo lume.

178
Amor mi sprona in un tempo et affrena,
assecura et spaventa, arde et agghiaccia,
gradisce et sdegna, a se mi chiama et scaccia,
or mi tene in speranza et or in pena,
or alto or basso il meo cor lasso mena:
onde 'l vago desir perde la traccia
e 'l suo sommo piacer per che li spiaccia,
d'error si novo la mia mente e piena.
Un amico penser le mostra il vado,
non d'acqua che per gli occhi si resolva,
da gir tosto ove spera esser contenta;
poi, quasi maggior forza indi la svolva,
conven ch'altra via segua, et mal suo grado
a la sua lunga, et mia, morte consenta.

179
Geri, quando talor meco s'adira
la mia dolce nemica, ch'e si altera,
un conforto m'e dato ch'i' non pera,
solo per cui vertu l'alma respira.
Ovunque ella sdegnando li occhi gira
(che di luce privar mia vita spera?)
le mostro i miei pien' d'umilta si vera,
ch'a forza ogni suo sdegno indietro tira.
E ccio non fusse, andrei non altramente
a veder lei, che 'l volto di Medusa,
che facea marmo diventar la gente.
Cosi dunque fa' tu: ch'i' veggio exclusa
ogni altra aita, e 'l fuggir val niente
dinanzi a l'ali che 'l signor nostro usa.

180
Po, ben puo' tu portartene la scorza
di me con tue possenti et rapide onde,
ma lo spirto ch'iv'entro si nasconde
non cura ne di tua ne d'altrui forza;
lo qual senz'alternar poggia con orza
dritto perl'aure suo desir seconde,
battendo l'ali verso l'aurea fronde,
l'acqua e 'l vento e la vela e i remi sforza.
Re degli altri, superbo altero fiume,
che 'ncontri 'l sol quando e'ne mena 'l giorno,
e 'n ponente abandoni un piu bel lume,
tu te ne vai col mio mortal sul corno;
l'altro coverto d'amorose piume
torna volando al suo dolce soggiorno.

Leggi le Poesie di Francesco Petrarca

Potrebbero interessarti