Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


161

O passi sparsi, o pensier' vaghi et pronti,
o tenace memoria, o fero ardore,
o possente desire, o debil core,
oi occhi miei, occhi non gia, ma fonti!
O fronde, honor de le famose fronti,
o sola insegna al gemino valore!
O faticosa vita, o dolce errore,
che mi fate ir cercando piagge et monti!
O bel viso ove Amor inseme pose
gli sproni e 'l fren ond'el mi punge et volve,
come a lui piace, et calcitrar non vale!
O anime gentili et amorose,
s'alcuna a 'l mondo, et voi nude ombre et polve,
deh ristate a veder quale e 'l mio male.

162
Lieti fiori et felici, et ben nate herbe
che madonna pensando premer sole;
piaggia ch'ascolti sue dolci parole,
et del bel piede alcun vestigio serbe;
schietti arboscelli et verdi frondi acerbe,
amorosette et pallide viole;
ombrose selve, ove percote il sole
che vi fa co' suoi raggi alte et superbe;
o soave contrada, o puro fiume,
che bagni il suo bel viso et gli occhi chiari
et prendi qualita dal vivo lume;
quanto v'invidio gli atti honesti et cari!
Non fia in voi scoglio omai che per costume
d'arder co la mia fiamma non impari.

163
Amor, che vedi ogni pensero aperto
e i duri passi onde tu sol mi scorgi,
nel fondo del mio cor gli occhi tuoi porgi,
a te palese, a tutt'altri coverto.
Sai quel che per seguirte o gia sofferto:
et tu pur via di poggio in poggio sorgi,
di giorno in giorno, et di me non t'accorgi
che son si stanco, e 'l sentier m'e troppo erto.
Ben veggio io di lontano il dolce lume
ove aspre vie mi sproni et giri,
ma non o come tu da volar piume.
Assai contenti lasci i miei desiri,
pur che ben desiando i' mi consume,
ne le dispiaccia che per lei sospiri.

164
Or che 'l ciel et la terra e 'l vento tace
et le fere e gli augelli il sonno affrena,
Notte il carro stellato in giro mena
et nel suo letto il mar senz'onda giace,
veggio, penso, ardo, piango; et chi mi sface
sempre m'e inanzi per mia dolce pena:
guerra e 'l mio stato, d'ira et di duol piena,
et sol di lei pensando o qualche pace.
Cosi sol d'una chiara fonte viva
move 'l dolce et l'amaro ond'io mi pasco;
una man sola mi risana et punge;
e perche 'l mio martir non giunga a riva,
mille volte il di moro et mille nasco,
tanto da la salute mia son lunge.

165
Come 'l candido pie' per l'erba fresca
i dolci passi honestamente move,
vertu che 'ntorno i fiori apra et rinove,
de le tenere piante sue par ch'esca.
Amor che solo i cor' leggiadri invesca
ne degna di provar sua forza altrove,
da' begli occhi un piacer si caldo piove
ch'i' non curo altro ben ne bramo altr'esca.
Et co l'andar et col soave sguardo
s'accordan le dolcissime parole,
et l'atto mansueto, humile et tardo.
Di tai quattro faville, et non gia sole,
nasce 'l gran foco, di ch'io vivo et ardo,
che son fatto un augel notturno al sole.

166
S'i' fussi stato fermo a la spelunca
la dove Apollo divento profeta,
Fiorenza avria forse oggi il suo poeta,
non pur Verona et Mantoa et Arunca;
ma perche 'l mio terren piu non s'ingiunca
de l'humor di quel sasso, altro pianeta
conven ch'i' segua, et del mio campo mieta
lappole et stecchi co la falce adunca.
L'oliva e secca, et e rivolta altrove
l'acqua che di Parnaso si deriva,
per cui in alcun tempo ella fioriva.
Cosi sventura over colpa mi priva
d'ogni buon fructo, se l'etterno Giove
de la sua gratia sopra me non piove.

167
Quando Amor i belli occhi a terra inchina
e i vaghi spirti in un sospiro accoglie
co le sue mani, et poi in voce gli scioglie,
chiara, soave, angelica, divina,
sento far del mio cor dolce rapina,
et si dentro cangiar penseri et voglie,
ch'i' dico: Or fien di me l'ultime spoglie,
se 'l ciel si honesta morte mi destina.
Ma 'l suon che di dolcezza i sensi lega
col gran desir d'udendo esser beata
l'anima al dipartir presta raffrena.
Cosi mi vivo, et cosi avolge et spiega
lo stame de la vita che m'e data,
questa sola fra noi del ciel sirena.

168
Amor mi manda quel dolce pensero
che secretario anticho e fra noi due,
et mi conforta, et dice che non fue
mai come or presto a quel ch'io bramo et spero.
Io, che talor menzogna et talor vero
o ritrovato le parole sue,
non so s'i' 'l creda, et vivomi intra due,
ne si ne no nel cor mi sona intero.
In questa passa 'l tempo, et ne lo specchio
mi veggio andar ver' la stagion contraria
a sua impromessa, et a la mia speranza.
Or sia che po: gia sol io non invecchio;
gia per etate il mio desir non varia;
ben temo il viver breve che n'avanza.

169
Pien d'un vago penser che me desvia
da tutti gli altri, et fammi al mondo ir solo,
ad or ad ora a me stesso m'involo
pur lei cercando che fuggir devria;
et veggiola passar si dolce et ria
che l'alma trema per levarsi a volo,
tal d'armati sospir' conduce stuolo
questa bella d'Amor nemica, et mia.
Ben s'i' non erro di pietate un raggio
scorgo fra 'l nubiloso, altero ciglio,
che 'n parte rasserena il cor doglioso:
allor raccolgo l'alma, et poi ch'i' aggio
di scovrirle il mio mal preso consiglio,
tanto gli o a dir, che 'ncominciar non oso.

170
Più volte gia dal bel sembiante humano
o preso ardir co le mie fide scorte
d'assalir con parole honeste accorte
la mia nemica in atto humile et piano.
Fanno poi gli occhi suoi mio penser vano
perch'ogni mia fortuna, ogni mia sorte,
mio ben, mio male, et mia vita, et mia morte,
quei che solo il po far, l'a posto in mano.
Ond'io non pote' mai formar parola
ch'altro che da me stesso fosse intesa:
cosi m'ha fatto Amor tremante et fioco.
E veggi' or ben che caritate accesa
lega la lingua altrui, gli spirti invola:
chi po dir com'egli arde, e 'n picciol foco.

Potrebbero interessarti