Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoniere di Francesco Petrarca 
151-180


151
Non d'atra et tempestosa onda marina
fuggio in porto gia mai stanco nocchiero,
com'io dal fosco et torbido pensero
fuggo ove 'l gran desio mi sprona e 'nchina.
Ne mortal vista mai luce divina
vinse, come la mia quel raggio altero
del bel dolce soave bianco et nero,
in che i suoi strali Amor dora et affina.
Cieco non gia, ma pharetrato il veggo;
nudo, se non quanto vergogna il vela;
garzon con ali: non pinto, ma vivo.
Indi mi mostra quel ch'a molti cela,
ch'a parte a parte entro a' begli occhi leggo
quant'io parlo d'Amore, et quant'io scrivo.

152
Questa humil fera, un cor di tigre o d'orsa,
che 'n vista humana e 'n forma d'angel vene,
in riso e 'n pianto, fra paura et spene
mi rota si ch'ogni mio stato inforsa.
Se 'n breve non m'accoglie o non mi smorsa,
ma pur come suol far tra due mi tene,
per quel ch'io sento al cor gir fra le vene
dolce veneno, Amor, mia vita e corsa.
Non po piu la vertu fragile et stanca
tante varietati omai soffrire,
che 'n un punto arde, agghiaccia, arrossa e 'nbianca.
Fuggendo spera i suoi dolor' finire,
come colei che d'ora in hora manca:
che ben po nulla chi non po morire.

153
Ite, caldi sospiri, al freddo core,
rompete il ghiaccio che Pieta contende,
et se prego mortale al ciel s'intende,
morte o merce sia fine al mio dolore.
Ite, dolci penser', parlando fore
di quello ove 'l bel guardo non s'estende:
se pur sua asprezza o mia stella n'offende,
sarem fuor di speranza et fuor d'errore.
Dir se po ben per voi, non forse a pieno,
che 'l nostro stato e inquieto et fosco,
si come 'l suo pacifico et sereno.
Gite securi omai, ch'Amor ven vosco;
et ria fortuna po ben venir meno,
s'ai segni del mio sol l'aere conosco.

154
Le stelle, il cielo et gli elementi a prova
tutte lor arti et ogni extrema cura
poser nel vivo lume, in cui Natura
si specchia, e 'l Sol ch'altrove par non trova.
L'opra e si altera, si leggiadra et nova
che mortal guardo in lei non s'assecura:
tanta negli occhi bei for di misura
par ch'Amore et dolcezza et gratia piova.
L'aere percosso da' lor dolci rai
s'infiamma d'onestate, et tal diventa,
che 'l dir nostro e 'l penser vince d'assai.
Basso desir non e ch'ivi si senta,
ma d'onor, di vertute: or quando mai
fu per somma belta vil voglia spenta?

155
Non fur ma' Giove et Cesare si mossi,
a folminar collui, questo a ferire,
che Pieta non avesse spente l'ire,
e lor de l'usate arme ambeduo scossi.
Piangea madonna, e 'l mio signor ch'i' fossi
volse a vederla, et i suoi lamenti a udire,
per colmarmi di doglia et di desire,
et ricercarmi le medolle et gli ossi.
Quel dolce pianto mi depinse Amore,
anzi scolpio, et que' detti soavi
mi scrisse entro un diamante in mezzo 'l core;
ove con salde ed ingegnose chiavi
ancor torna sovente a trarne fore
lagrime rare et sospir' lunghi et gravi.

156
I' vidi in terra angelici costumi
et celesti bellezze al mondo sole,
tal che di rimembrar mi giova et dole,
che quant'io miro par sogni, ombre et fumi;
et vidi lagrimar que' duo bei lumi,
ch'an fatto mille volte invidia al sole;
et udi' sospirando dir parole
che farian gire i monti et stare i fiumi.
Amor, Senno, Valor, Pietate, et Doglia
facean piangendo un piu dolce concento
d'ogni altro che nel mondo udir si soglia;
ed era il cielo a l'armonia si intento
che non se vedea in ramo mover foglia,
tanta dolcezza avea pien l'aere e 'l vento.

157
Quel sempre acerbo et honorato giorno
mando si al cor l'imagine sua viva
che 'ngegno o stil non fia mai che 'l descriva,
ma spesso a lui co la memoria torno.
L'atto d'ogni gentil pietate adorno,
e 'l dolce amaro lamentar ch'i' udiva,
facean dubbiar, se mortal donna o diva
fosse che 'l ciel rasserenava intorno.
La testa or fino, et calda neve il volto,
hebeno i cigli, et gli occhi eran due stelle,
onde Amor l'arco non tendeva in fallo;
perle et rose vermiglie, ove l'accolto
dolor formava ardenti voci et belle;
fiamma i sospir', le lagrime cristallo.

158
Ove ch'i' posi gli occhi lassi o giri
per quetar la vaghezza che gli spinge,
trovo chi bella donna ivi depinge
per far sempre mai verdi i miei desiri.
Con leggiadro dolor par ch'ella spiri
alta pieta che gentil core stringe:
oltra la vista, agli orecchi orna e 'nfinge
sue voci vive et suoi sancti sospiri.
Amor e 'l ver fur meco a dir che quelle
ch'i' vidi, eran bellezze al mondo sole,
mai non vedute piu sotto le stelle.
Ne si pietose et si dolci parole
s'udiron mai, ne lagrime si belle
di si belli occhi uscir vide mai 'l sole.

159
In qual parte del ciel, in quale idea
era l'exempio, onde Natura tolse
quel bel viso leggiadro, in ch'ella volse
mostrar qua giu quanto lassu potea?
Qual nimpha in fonti, in selve mai qual dea,
chiome d'oro si fino a l'aura sciolse?
quando un cor tante in se vertuti accolse?
benche la somma e di mia morte rea.
Per divina bellezza indarno mira
chi gli occhi de costei gia mai non vide
come soavemente ella gli gira;
non sa come Amor sana, et come ancide,
chi non sa come dolce ella sospira,
et come dolce parla, et dolce ride.

160
Amor et io si pien' di meraviglia
come chi mai cosa incredibil vide,
miriam costei quand'ella parla o ride
che sol se stessa, et nulla altra, simiglia.
Dal bel seren de le tranquille ciglia
sfavillan si le mie due stelle fide,
ch'altro lume non e ch'infiammi et guide
chi d'amar altamente si consiglia.
Qual miracolo e quel, quando tra l'erba
quasi un fior siede, over quand'ella preme
col suo candido seno un verde cespo!
Qual dolcezza e ne la stagione acerba
vederla ir sola co i pensier' suoi inseme,
tessendo un cerchio a l'oro terso et crespo!