Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

nuvola
Fiaba russa
La nuvola

Un campo arso dalla calura invocò il soccorso di una nuvola: Regalami un poco di acqua, o piccola dama dei cieli. I miei fiorellini languiscono, l'erbe diventano gialle, gli alberi si ammalano di tristezza.
La nuvola non si curò dell'appassionata preghiera. Corse all'oceano sciolse sulle onde la sua argentea chioma di pioggia.
L'oceano, naturalmente, non apprezzò il regalo e di ciò la donatrice si offese assai. La pazzerella andò dalla montagna, che è saggia, e a lei rivelò il suo cruccio!
Pretendi che il mare accolga con entusiasmo un poco d'acqua? - disse la montagna. -Il mare è ricchissimo e non può tener calcolo della tua ridicola offerta. Dovevi esser generosa col campo arido,. coi fiorellini, con l'erbe, con gli alberi che muoiono invocando un sorso che li salvi: il tuo regalo sarebbe stato, allora, un gesto di bontà e ti avrebbe valso gratitudine e benedizioni.

Con il caratteristico tono che si addice alle fiabe, rivestendo cioè di un aggraziato velo di fantasia la semplice trama, ti è stata impartita un'utilissima lezione morale: ogni dono deve alimentarsi di bontà e di vero spirito altruistico, altrimenti rimane sterile e vano.

Potrebbero interessarti