Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Libro primo
Le più belle favole di Fedro
Il cane porta la carne sul fiume

Si perde il proprio a ragione, se si appetisce l'altrui.

Un cane, a nuoto, nel fiume, portava un pezzo di carne.
Vede specchiata nell'acqua la propria immagine: pensa
che un'altra carne, portata da un altro cane, sia quella,
e vuoI rubargliela. Resta però deluso l'ingordo,
perché si lascia, di bocca, sfuggire il pezzo che tiene,
e non c'è verso che possa toccare l'altro che agogna.

Canis per fluvium carnem ferens
Amittit merito proprium qui alienum adpetit.

Canis, per flumen carnem dum ferret, natans
lympharum in speculo uidit simulacrum suum,
aliamque praedam ab altero ferri putans
eripere voluit; verum decepta auiditas
et quem tenebat ore dimisit cibum,
nec quem petebat  adeo potuit tangere.

favole di fedro, favole di fedro latino e italiano, favola di fedro con traduzione italiano latino

Commenti

Potrebbero interessarti