Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Favola di Esopo 
Di un avaro, e d'un campo fertile

Un’avaro comperato una possessione molto fertile, come l’ebbe, la chiuse intorno di frasche altissime,
talchè niuno ci poteva 
entrare, ed a niuno dava dei frutti, che nascevano in quella.
La possessione cominciò a non frullare più come soleva.
Onde sdegnato il padrone si consigliò con un uomo savio, il quale gli rispose,
Iddio ci ha dato i frutti di questo mondo,

acciocchè noi gli godiamo, e ne facciamo bene a tutti, e non a un solo come fanno gli avari.
Nè ti dei maravigliare se prima 
la possessione era tanto fertile, ed abbondante di frutti,
perchè allora serviva a tutti; ora serve ad un solo; perchè tante cose ricerchi.

Moralità della favola

La favola dimostra, che all’uomo liberale Iddio dona molte cose,
acciocchè ai molti bisognosi possa sovvenire.

Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)

Leggi le favole di Esopo