Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 
Inferno di Dante Alighieri  - La Divina Commedia

La Divina Commedia
di Dante Alighieri
Inferno
di Dante Alighieri

L'Inferno è il regno delle passioni ancora vive in tutta la loro violenza.
La pena non ha, generalmente, domato le anime: soffrono materialmente, ma le loro passioni e il loro carattere sono rimasti immutati.
Il Cielo le ha respinte, ed esse restano attaccate alla terra. Negli incontri con Dante il ricordo della loro esistenza terrena, i loro affetti e interessi, sempre ugualmente vivi, si dispiegano in piena libertà: il tumulto della vita terrena, non affievolito o placato dall'ansia del Cielo come nel Purgatorio, non respinto o almeno purificato dalla perfezione celeste come nel Paradiso, irrompe sulla scena infernale con i suoi caratteri genuini e immediati.
La personalità terrena dei dannati è rimasta generalmente così inalterata che continua ad affermarsi nella sua totale integrità, malgrado la pena: Filippo Argenti tenta di aggredire Dante, Ciampolo la fa ai diavoli, Capaneo sfida ancora Dio, Vanni Fucci aggiunge addirittura, là, nell'Inferno, un altro peccato a quelli terreni per cui fu punito. Sicché il tono di questa cantica è essenzialmente drammatico e realistico: il poeta non rifugge dai modi di più cruda evidenza, senza attenuazione di tinte; anzi, quanto più si scende nella voragine infernale, c'è quasi un'ostentazione di brutale realismo. Questo tono della rappresentazione, non meno che la materia più accessibile all'intelligenza di tutti per la quasi assenza di parti dottrinali, hanno fatto, dell'Inferno, la cantica più popolare o la sola popolare della Commedia. Ma un'altra ragione ancora della sua popolarità è la straordinaria ricchezza e varietà dell'elemento scenico, incomparabilmente maggiore che nelle altre cantiche.
E basterebbe l'Inferno a dimostrare quanto il Croce avesse torto nel sostenere che il viaggio oltremondano non potesse essere per Dante motivo generatore di poesia, e quanto, invece, quel mondo del mistero, intorno al quale si sbizzarrivano le fantasie popolari, abbia eccitato l'estro poetico di Dante.
Il meraviglioso, il fiabesco, l'avventuroso si susseguono ininterrottamente nello svolgersi del viaggio dalla porta dell'Inferno al centro della terra dove è sospeso Lucifero. L'interesse, l'attenzione del lettore non illanguidiscono mai: il paesaggio, dalla riviera d'Acheronte alla ghiaccia di Cocito, le forme della pena, il genere dei dannati, le figure dei diavoli e dei mostri e i loro interventi mutano di continuo: si passa di meraviglia in meraviglia; e non si vede perché ciò che è motivo poetico nelle fiabe e nei romanzi di avventura non dovrebbe esserlo nella Commedia.

Tutti i Canti dell'Inferno di Dante Alighieri

1 Inferno - Canto I Dante Alighieri
2 Inferno - Canto II Dante Alighieri
3 Inferno - Canto III Dante Alghieri
4 Inferno - Canto IV Dante Alighieri
5 Inferno - Canto V Dante Alghieri
6 Inferno - Canto VI Dante Alighieri
3 Inferno - Canto VII Dante Alighieri
8 Inferno - Canto VIII Dante Alghieri
9 Inferno - Canto IX Dante Alghieri
10 Inferno - Canto X Dante Alghieri
11 Inferno - Canto XI Dante Alighieri
12 Inferno - Canto XII Dante Alighieri
13 Inferno - Canto XIII Dante Alghieri
14 Inferno - Canto XIV Dante Alighieri
15 Inferno - Canto XV Dante Alighieri
16 Inferno - Canto XVI Dante Alighieri
17 Inferno - Canto XVII Dante Alghieri
18 Inferno - Canto XVIII Dante Alghieri
19 Inferno - Canto XIX Dante Alghieri
20 Inferno - Canto XX Dante Alighieri
21 Inferno - Canto XXI Dante Alighieri
22 Inferno - Canto XXII Dante Alghieri
23 Inferno - Canto XXIII Dante Alighieri
24 Inferno - Canto XXIV Dante Alghieri
25 Inferno - Canto XXV Dante Alghieri
26 Inferno - Canto XXVI Dante Alghieri
27 Inferno - Canto XXVII Dante Alghieri
28 Inferno - Canto XXVIII Dante Alghieri
29 Inferno - Canto XXIX Dante Alghieri
30 Inferno - Canto XXX Dante Alghieri
31 Inferno Canto XXXI Dante Alighieri
32 Inferno Canto XXXII Dante Alghieri
33 Inferno - Canto XXXIII Dante Alighieri
34 Inferno - Canto XXXIV Dante Alighieri

Potrebbero interessarti