Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 










Stornelli di carcerati romani, canti e racconti di prigione






lo so' de San Lorenzo e me n'avanto:
c'avemo bbona lingua e mejo mano,
c'avemo bbona lingua e mejo mano,
paura nun avemo de nissuno.

Dentro a Reggina Celi c'è 'no scalino,
chi nun salisce quello nun è romano.
Chi nun salisce quello nun è romano,
nun è romano e mmanco trasteverino.
Amore mio, manneme 'na pagnotta,
che quella de Reggina Celi nun m'abbasta,
che quella de Reggina Celi nun m'abbasta,
sinnò qua ddentro ce lascio le ossa.

Dentro Reggina Celi ce so' nato
e co' la malavita so' cresciuto,
e co' la malavita so' cresciuto;
e me so' bbuttato in mezzo a la mano nera,
me so' ridotto 'nfonno a 'na galera.




........
Dentro Reggina Celi c'è 'n cancelletto,
de qqua e de llà du' lampade d'argento,
de qqua e de llà du' lampade d'argento,
e ,ddrento c'è il mio amor che piagne tanto...














Traduzione




lo sono del quartiere San Lorenzo e
me ne vanto: abbiamo lingua buona e mano
ancora migliore, non abbiamo paura di nessuno.
Dentro Regina Coeli c'è uno scalino:
chi non lo sale non è romano,
e nemmeno trasteverino.
Amore mio, mandami una pagnotta,
ché quella di Regina Coeli
non mi basta, se no qua dentro ci lascio
le ossa.

Dentro Regina Coeli io ci son nato
e son cresciuto con la malavita; mi sono
buttato in mezzo alla mano nera, e sono
finito in fondo a un carcere.
Dentro Regina Coeli c'è un cancelletto,
che ha due lampade d'argento,
una di qua e una di là,
e dentro c'è il miom amore che piange tanto.

Commenti

Potrebbero interessarti