09252017Lun
Last updateDom, 24 Set 2017 7pm

Canti Popolari

Canzone triste di Italo Calvino


Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

tram anni 50
Canzone triste

di Italo Calvino 

Erano sposi. Lei s'alzava all'alba
prendeva il tram, correva al suo lavoro.
Lui faceva il turno che finisce all'alba
entrava in letto e lei n'era già fuori.

Soltanto un bacio in fretta posso darti
bere un caffè tenendoti per mano.
Il tuo cappotto è umido di nebbia.
Il nostro letto serba il tuo tepor.

Dopo il lavoro lei faceva spesa
 buio era già - le scale risaliva.
Lui in cucina con la stufa accesa,
fanno da cena e poi già lui partiva.

Soltanto un bacio in fretta posso darti
bere un caffè tenendoti per mano.
Il tuo cappotto è umido di nebbia.
Il nostro letto serba il tuo tepor.

Mattina e sera i tram degli operai
portano gente dagli sguardi tetri;
fissar la nebbia non si stancan mai
cercando invano il sol, fuori dai vetri.

Soltanto un bacio in fretta posso darti
bere un caffè tenendoti per mano.
Il tuo cappotto è umido di nebbia.
Il nostro letto serba il tuo tepor.
la, la, la, la, la, 
Il nostro letto serba il tuo tepor.

Canzone triste di Italo Calvino e musica di Sergio Liberovici (1961)

Leggi e ascolta le Canzoni di Italo Calvino

Ti possono intressare i Racconti di Italo Calvino

Ti possono interessare gli Aforismi di Italo Calvino


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info