Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 


  Canti popolari
canti di lavoro

canti di guerra

canti di emigranti

canti della resistenza

Canzoni di Ivan Della Mea


Poche cose più tristi di questo canto pugliese, il cui protagonista è un povero bracciante che, pur di non perdere il posto che gli permette di sfamare i suoi figli, è disposto a subire ogni umiliazione ed ogni prepotenza da parte del padrone.
Questo è un canto del secolo scorso.

Questi cati alla boara (cioè alla bovara) rispecchiano assai bene la condizione dei contadini in Italia nel secolo scorso.
 







Padrone mio, te vojo arrecchire,
come nu cane j vò fatijà,
come nu cane j vò fatijà.
Quando sbajo damme li botte,
vojo la morte, nun me caccià.
Tengo tre fiji, vojono lu pane,
chi ci lu dà è lu tatà.









Traduzione



Padrone mio, ti voglio arricchire,
voglio lavorare come un cane.
Quando sbaglio dammi le botte,
fammi morire, ma non licenziarmi.
Ho tre figli, vogliono il pane,
e chi glielo procura è il loro papà.