Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canto di lavoro
Quaranta ghei d'inverno

Quaranta ghei d'inverno, cinquanta d'està;
se ghe ie dassen, sti pover paisan,
nanca farìen una pell de pan.
O donn, o donn, andémm, andémm,
andémm in piazza a fà burdell!
An piantà in pé sta rivulusiun
tutt in grasia di nòster padrun.
La rivulusiun l'àn piantà
per fà calà i fitt de cà
e pu pendissi de pagà;
ma el padrun el diz inscì,
che i paisan i-a de fà murì;
l'a de fà murì, l'a de fà crepà
ma la rivulusiun la se dev fà:
tuta la mubilia che gh'è in Milan
l'è tuta roba di pòer paisan;
i pòer paisan intanta in là a spettà
la letera dell'America che la dev rivà.

Quaranta lire d'inverno
Quaranta lire d'inverno, cinquanta d'estate;
se anche li dessero loro, a questi poveri contadini,
non mangerebbero pane a sazietà.
O donna, o donna, andiamo, andiamo,
andiamo in piazza a dimostrare!
Abbiamo iniziato questa rivoluzione
tutta in grazia del nostro padrone.
La rivoluzione l'hanno messa su
per far diminuire gli affitti delle case
e basta debiti da pagare;
ma il padrone dice così,
che i contadini deve farli morire;
deve farli morire, deve farli crepare
ma la rivoluzione si deve fare;
tutte le ricchezze che ci sono a Milano
sono tutte cose di poveri contadini;
quei poveri contadini che intanto sono là ad aspettare
la lettera dell'America che deve arrivare.

 

Commenti

Potrebbero interessarti