Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canto popolre di lavoro palermitano
Ch'e’ autu lu suli


Sant’Agata ch’è gavutu lu suli!
Fallu pi ccarità, fallu calari
Tu nun lo fari no pi lu patruni
Ma fallu pi' li poviri jurnatari.

Sidici uri stari a l’abbuccuni
Li rini si li mancianu li cani
Iddu si vivi vinu a la mmucciuni,
A nnui ni dona l’acqua di vadduni
Unni si tennu a moddu li liani.

Come è alto il sole
Sant’Agata come è alto il sole!
Fallo per carità, fallo calare
Non lo fare per i padroni,
ma fallo per i poveri lavoranti a giornata.

Per sedici ore bisogna stare carponi, 
la schiena se la mangiano i cani.
Lui (il padrone) beve vino di nascosto,
a noi dà a bere l’acqua dei torrenti, 
quella in cui si tengono a mollo le corde.