Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 





  Canti popolari
canti di lavoro

canti di guerra

canti di emigranti

canti della resistenza

Canzoni di Ivan Della Mea









Antico canto romagnolo cantato dal gruppo di Piadena , con Ivan Della Mea









Lavura cuntaden a la sbaraia,
padron l'ha i gren, i cuntaden la paia;
lavora cuntaden a la sicura,
padron l'ha i gren, i cuntaden la pula.

Zapa la cavedagna e zapa bene
ché l'ocio del padron l'è qua che viene;
zapa la cavedagna e zapa pure
che l'ocio del padron l'è qua che 'l core.

S'è fati seira, lo padron suspira,
lo el dis: - L'è steda curta lan zurneda
S' la j è ste curta, cosa t'hoi a dì?
ciapla s'e sol e falo rinveni.




Traduzione


Lavora, contadino, a più non posso, il
padrone prende il grano, il contadino la paglia;
lavora, contadino, non preoccuparti,
il padrone prende il grano e il contadino la pula.
Zappa la viottola lungo il podere
Ie zappa bene, ché l'occhio de! padrone
è qua che viene; zappa la viottola del podere
e zappa pure, che l'occhio del padrone è qua che accorr.
S'è fatta sera, il padrone sospira,
dice: E' stata corta la giornata -
Se è stata corta, cosa ti devo dire?
Pigliatela col sole e fallo ritornare.
S'è stata corta, cosa ci vuoi fare?
  Pigliatela col sole e fallo tornare; è stata
corta un corno che ti sfonda; la paga è
poca e la giornata è lunga.