Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

copertina fiaschitello 2017
Biografia di Vincenzo Fiaschitello

Vincenzo Fiaschitello è nato a Scicli nel 1940. A venti anni si trasferisce a Roma,dove risiede. Laureato in lettere, si specializza in Filosofia Pedagogia e Psicologia.
Nel 1969 è docente di ruolo nei licei statali per l’insegnamento di Storia e Filosofia.
Nel 1974 è direttore didattico, preside e dirigente scolastico fino al 2006. Esperto della formazione dei docenti, ha svolto per oltre un ventennio attività di docente dell’area linguistica, pedagogica e psicologica nei corsi biennali post-universitari.
Selezionato nel Concorso letterario Libri Diversi in Diversi Libri IV edizione 2015 e V edizione 2016 (Libreria Editrice Urso di Avola).
Il Presidente della Repubblica Scalfaro, su proposta del Consiglio dei Ministri, lo ha insignito della onorificenza di Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana.

Copertina libro Vincenzo Fiaschitello

Vincenzo Fiaschitello

Opere saggistiche: Enciclopedia italiana della pedagogia e della scuola, Roma Curcio 1971 in 6 volumi, diretta da Michele Federico Sciacca (collaborazione per oltre 100 lemmi); Proposte didattiche per la scuola materna, Roma Fism1985;
Psicologia dell’infanzia e scuola materna, Firenze De Bono 1986; La scuola elementare, Roma Jobb 1999; La scuola materna, Roma Jobb 1999.
Opere poetiche: Amore e terra, Roma Il Ventaglio 1994; Se lo Spirito soffia dove vuole, Avola Urso 2015; Se una notte d’estate, Avola Urso 2016; Canti del sud e della memoria, in La paura della vita…,Villanova di Guidonia Aletti 2016.
E’ presente nella rivista online Poeti e Poesia, nell’antologia Il Tiburtino2014 (Aletti editore) e nella rivista online Poesie Report On Line.

notte destate di Vincenzo Fiaschitello

copertina Vincenzo Fiascitello 2016

Dopo la silloge “Se lo Spirito soffia dove vuole”, Vincenzo Fiaschitello pubblica questa scelta di 45 poesie che hanno un chiaro carattere memoriale: non è replica di ciò che è già vissuto ed espresso, è un ritorno nei luoghi am ati, per ritrovare una nuova
consistenza ontologica e offrire con la poesia un possibile mondo diverso e migliore.
Per il Poeta, ricco di cultura e di una sensibilità speciale, ogni contatto o urto con la realtà, vera o im maginaria, comporta “uno scatto spirituale di portata lirica”, che genera il Canto. Questo è il senso proprio della sua poesia, che aderisce al reale,
canta affetti ed em ozioni con versi a volte aspri, ma con melodia di suoni, con ritmo musicale.
La nostalgia dei luoghi diventa conoscenza e rigenerazione.
L’Autore effettua il viaggio, in dialogo con la sua anim a, per m ettersi in sintonia con ciò che perm ane delle cose ed ha valore, oltre i mutamenti. Assume a compagni e testimoni gli esseri, che sembrano immuni dalla forza lesiva del tempo: “Ristanno nei tuoi sogni e sempre/alle tue spalle, m andorli e carrubi,/a salutare cieli e stelle che videro la tua infanzia”.
La Sicilia si veste da sposa coi mandorli in fiore. I carrubi 
danno il sapore di questa terra. È questa “la radiosa gioia di istanti/suggellata dalla sete d’infinito”, che l’Autore ritrova esplorando la "foresta della memoria”.
E le parole dette o scritte diventano “simili a mele/rosse e profumate appese/ ancora all'albero della vita"

Domenico Gilio

Se vuoi leggere le Poesie di Vincenzo Fiaschitello

Commenti

Potrebbero interessarti