09012014Lun
Last updateLun, 01 Set 2014 8pm

Racconto di Natale di Leonardo Sciascia

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 


Natale_di_Brugel
Racconto di Natale

di Leonardo Sciascia

La neve, il Natale


L'ambiente familiare in queste pagine è visto da Sciascia attraverso i semplici racconti dei suoi allievi. Siamo in un paese dell'interno della Sicilia, e i ragazzi scrivono del loro Natale, un giorno eccezionale per tutti i bambini, e per gli scolari di Regalpetra un pò meno povero e difficile dei giorni comuni.
Un ragazzo ricorda di aver mangiato il cappone, un altro di aver pagato il cinema al padre con i soldi vinti alle carte, un altro ancora di «essersi lavato tutto» con l'acqua calda.
Ma per un ragazzo il Natale è stato triste: il padre gli ha portato via, per andarsi a divertire, le duecento lire vinte da lui giocando alle carte con amici. Sono brevi annotazioni nelle quali prende forma l'immagine di un mondo familiare chiuso nella miseria, dove la vita dei fanciulli è dura come quella degli adulti: da esso sono esclusi momenti di vero gioco e di divertimento spensierato e anche il possesso di cose di cui altri godono di una ingiusta abbondanza.

Come al solito, in una paginetta di diario, i ragazzi mi raccontano come hanno passato il giorno di Natale: tutti hanno giocato a carte, a scopa, sette e mezzo e ti-vitti (ti ho visto: un gioco che non consente la minima distrazione); sono andati alla messa di mezzanotte; hanno mangiato il cappone e sono andati al cinematografo.
Qualcuno afferma di avere
studiato, dall'alba, dopo la messa, fino a mezzogiorno: ma è menzogna evidente.
In complesso, tutti hanno fatto le stesse cose; ma qualcuno le
racconta con aria di antica cronaca : «La notte di Natale l'ho passata alle carte, poi andai alla Matrice che era piena di gente e tutta luminaria, e alle ore sei fu la nascita di Gesù».
Tre ragazzi non hanno però parlato della mensa notturna, hanno scritto, senza consapevole amarezza, amarissime cose. «Nel giorno di Natale ho giuocato alle carte e ho vinto quattrocento lire e con questo denaro prima di tutto compravo i quaderni e la penna e con quelli che mi restavano sono andato al cinema e ho pagato il biglietto a mio padre per non spendere i suoi denari e lui lì dentro mi ha comprato sei caramelle e  gazosa»: il ragazzo si è sentito felice, ha fatto da amico a suo padre pagandogli il biglietto del cinema, ha poi avuto le sei caramelle e la gazosa: e già aveva comprato i quaderni e la penna - ha fatto buon Natale.
Ma il suo Natale io lo avrei voluto diverso, più spensierato. Ed ecco, ancora più triste, il Natale di un altro ragazzo: «lo il giorno di Natale ho giuocato con i miei cugini e i miei compagni.
Avevo vinto duecento
lire e quando sono ritornato a casa mio padre me le ha prese e se ne é andato a divertirsi lui».
Non ho mai letto niente di più triste nelle cro
nache, spesso desolate, che i ragazzi mi fanno delle loro giornate.
Vedo
la casa, umida e scura in quel quartiere di San Nicola che è il più povero del paese; il ragazzo piangente (e magari avrà avuto un ceffone e qualche cattiva parola) per quelle duecento lire che si era buscate al giuoco e che voleva spendere chi sa come, magari per avere i quaderni e la penna; e il padre che se ne va a farsi il bicchiere, ad ubriacarsi con i poveri quattrinelli del suo bambino.
Mai, come attraverso questo piccolo fatto, la
miseria mi è apparsa in tutta la sua essenza di cieca e maligna bestialità.
A guardar bene, ci sono nell'episodio tutti gli elementi che fanno la tragedia della nostra vita - o almeno della mia vita qui, in questo povero paese.
Ed il giorno della grande festa cristiana, che fa da sfondo e con
diziona l'episodio, pare diventi, dietro questo bambino cne piange nella sua casa oscura, a blasfema parodia.
«La mattina del Santo Natale - scrive un altro - mia madre mi ha fatto trovare l'acqua calda per lavarmi tutto».
La giornata di festa non
gli ha portato nient'altro di così bello.
Dopo che si è lavato asciugato e
vestito, è uscito con suo padre « per fare la spesa».
Poi ha mangiato il
riso col brodo e il cappone. «E così ho passato il Santo Natale».

La famiglia significa anche una casa, e quindi la partecipazione a ciò che la casa offre in generale,. inoltre ciascuno ha quasi sempre per sé una stanza o la parte di unii stanza, alcuni oggetti, dei mobili ecc. Per quanto i giovani desiderino passare molte ore lontani dal controllo dei genitori e in rapporto invece con i coetanei, la casa ha sempre una enorme importanza.