09282016Mer
Last updateMer, 28 Set 2016 10am

Racconto sulla castagna - La castagna col cappotto

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesie sulle castagneRacconto sulla castagna
La castagna col cappotto

Una castagna, chiusa nel suo riccio spinoso, pendeva da un ramo.
Un giorno apri un occhio, vide il suo cappotto giallastro e inorridi.
Subito si mise a strillare: Che brutto colore, che brutta stoffa, che brutta forma! Orribile, orribile!
Ignorante! - disse una voce.
Chi è stato? Chi mi ha offeso? - strillò ancora la castagna.
Ignorante! - ripetè la voce. -Sono tuo padre, il castagno.
Quel cappotto è il piu adatto a te.
Non lo voglio e me lo tolgo.
Provaci, piccola, provaci e vedrai!
La castagna cominciò a scalciare, a tirare, a spingere.
E sbuffa e scalcia, riusci a fare uno squarcio nel cappotto e a sgusciare fuori.
Oh, finalmente! - gridò mentre precipitava verso terra.
Con questo vestitino marrone attillato e lucente sono proprio carina...
Già, sei proprio carina e sei la prima di quest'anno - disse un cinghialetto che la vide battere il sedere a terra. S'avvicinò alla castagna e se la mangiò.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info