08282014Gio
Last updateGio, 28 Ago 2014 9am

Poesie di Natale di Renzo Pezzani - Il Natale

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nascita_Ges_2
Poesia di Natale
di Renzo Pezzani
Natale

É la narrazione della nascita di Gesù fatta da un poeta. Maria e Giuseppe, i due santi pellegrini, sono giunti a Betlemme, ma non trovano ospitalità.
Allora escono verso la campagna dove troveranno una povera grotta. Il poeta li segue nel loro pellegrinare, e quasi li consiglia, dà loro le indicazioni necessarie perché trovino il rifugio per la notte. Ma ecco, sono giunti.
E mentre Giuseppe si è allontanato un momento per cercare un po' di legna e accendere un fuocherello, avviene il grande prodigio; nasce Gesù.
È l'inizio di una serie di altri prodigi; gli angeli che cantano, i pastori che giungono alla capanna (e in quei pastori ci siamo anche noi, tutti noi) e persino un lupo, fatto mansueto.
È una poesia insolita, piena d'incanto e di ingenua commozione.


Poesia di Natale

di Renzo Pezzani
Natale
Proverbi di Natale. Natale di venerdì vale due poderi
Un asinello, un bue,
una stella, una grotta...
Fate presto voi due ,
fate presto che annotta.
Vi basterebbe un guscio
di casa e una fiammella...
Date una voce a quella
gente che chiude l'uscio .
Il cielo è casi nero
e solo il ciel v'ascolta.
Prendete quel sentiero .
Arrivati a una svolta
fate altri venti passi.
Li c'è una capannuccia:
un tetto su una gruccia
e un muretto di sassi.

Maria ha il cuor sgomento,
non trova più coraggio.
Fu cosi lungo il viaggio,
fu cosi aspro il vento;
la strada casi brutta
nel polverone bianco!
Ma Giuseppe le è al fianco
e gli si affida tutta .
Son giunti, oh, finalmente!
S'è mai visto ricovero
più sconnesso, più povero?
dite voi, buona gente.

Giuseppe andò per brocche.
Tocca spini e si punge.
Ed ecco, quando giunge
vede tra quattro cocche
d'un lino di bucato
un fantolino tondo
il più bello del mondo,
un bimbo appena nato.
Piegata sulla cuna
che raggia non più squallida,
Maria ch'è tanto pallida
splende come la luna.
E vede pel deserto
sentiero e in mezzo ai prati
dei pellegrini alati
che provano un concerto;
e soavi cantori
calar dal firmamento;
vede arrivar pastori
dalla barba d'argento;
il fabbro e l'arrotino;
il servo, il falegname;
la mamma e il suo bambino;
l'uomo sazio e chi ha fame.
E in mezzo a un gregge vede,
vello di color cupo,
venir, mansueto, un lupo...
E quasi non ci crede.

Proverbi di Natale. Chi non digiuna la vigilia di Natale corpo di lupo e anima di cane.