12042016Dom
Last updateDom, 04 Dic 2016 9pm

Poesie di Gabriele D'Annunzio

Poesia di Gabriele D'Annunzio - I seminatori


Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

seminatori
Poesia di Gabriele D'Annunzio

I seminatori

Van per il campo i validi garzoni
guidando i buoi da la pacata faccia;
e, dietro quelli, fumiga la traccia
del ferro aperta alle seminagioni.

Poi, con un largo gesto delle braccia,
spargon gli adulti la semenza; e i buoni
vecchi, levando al ciel le orazloni,
pensan frutti opulenti, se a Dio piaccia.

Quasi una pia riconoscenza umana
oggi onora la Terra. Nel modesto
 lume del sole, al vespero, il nivale

tempio dei monti innalzasi: una piana
canzon levano gli uomini, e nel gesto
hanno una maestà sacerdotale.

 La semina, che segue immediatamente l'aratura,  intesa quasi come un rito religioso. Gli uomini, che col largo gesto delle braccia spargono il seme del grano, sono descritti nella loro maestà e, nello stesso tempo, umiltà verso Dio e la natura, dai quali dipende la buona riuscita del loro faticoso lavoro.

Leggi le Poesie di Gabriele D'Annunzio 


Sezioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info