Poesie Report On Line

             

Gio04172014

Last updateGio, 17 Apr 2014 8am

Back Sei qui: Home Poeti Classici Poesie di Carlo Porta Poesia di Carlo Porta - Bravo el mè Baldissar! ...

Poesia di Carlo Porta - Bravo el mè Baldissar! ...

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Carlo Porta
Bravo el mè Baldissar! ...


Bravo el mè Baldissar! bravo el mè nan!
l'eva poeù vora de vegnì a trovamm...
T'el seet mattascion porch che maneman
l'è mes che no te vegnet a ciollamm?
Cristo! Cristo! com'hio frecc sti man!
Bell belI... speccia on freguj... te voeu geramm,
bolgirossa! che giazz! aja i mee tett!
che belI cojon, sont minga on scoldalett.

Pover tett nèe? ...te sentet com'hin froll?
Ma, gh'hoo avuu ona passion, varda, in sti dì
he l'è stada, per brio! el mè tracoll.
L'è quaj cossa ancamò se sont insci.
Ven scià... settet giò on poo... già l'è anmò molI
poeù coss'eet de fà? l'è venerdì, ,
gh'è minga d'opra: descorremm on poo,
chè subet che l'è all'orden te la doo.

Varda el mè Baldissar se se pò dà
on mond pussee carogna, on mond pù infamm!
Te se regordet d'avemm vist per cà
quell gioven magher, longh come on salamm,
ch'el me vegneva a toeù de andà a ballà?
Che di voeult te l'ee vist a peccenamm?
Ben: sent adess, sto roffianon strozzaa
che tir fioeul d'ona negra el m'ha giugaa.

Prima de tutt t'ee de savè che fina
de vint agn fa, quand sont restada indree
della povera mamm, la mia medina,
che adess, jesuss! l'è al Gentilin anca lee,
per no invodamm a santa Catarioa,
o lassamm andà in cà d'on quaj mestee,
la m'ha tiraa in cà sova e tegnuu inguala
d'oDa soa tosa vera e naturala.

Sta mia medina l'eva ona tetton,
matta, allegra quell mai che se pò dà:
ghe piaseva a paccià de belI e bon
e andà dent per i boeucc a boccalà:
ma sora tutt poeù la soa gran passion
l'eva quella de fassela fregà:
oh intuitù de quest gh'è nient de noeuv
desdott in fifa e fresca come on oeuv.

In quel l temp la gh'aveva per gimacch
on gioven d'offellee, fort, traccagnott,
ch'el stava lì in la porta e in l'uss attacch.
Costuu, me cunten ch'el gh'avess de sott
on peston de pirotta masiacch,
ma basta, fussel mò per sto bescott
 per quij del meste e ch'el ghe portava,
l'offellee l'eva lu ch'eI le ciavava.

S'ha mò de dà l'inconter che costuu
el gh'ha giusta d'avegh anch lu on bagaj,
che l'è nient alter che quell porch fottuu
che m'è costaa in sti dì tanto travaj.
Inscì, cont el stà insemma tutt e duu,
col giugà insemma e fà quij cattanaj
che fan tucc i fioeu, semm rivaa a quell
de trovass cott tutt duu senza savell.

Intrattanta, per via della via
dell'intrigh inscì faa della medina,
ne faven dormì nun bardassaria è'
foeura di pee de lor in la cugina;
là ne saraven sù all'ave mafia
de gira fina a quella de mattina,
e là nun de per nun tutta la nocc
sevem patron de fà onia sort de locc.

Fin però che semm staa duu cisquittitt,
ciovè a dì de des, vundes, dodes agn,
se semm faa quaj carezz e quaj basitt,
e poeù voltavem là come lasagn;
ma quand emm comenzaa a sentì i gallitt
vers la part che'comenzen i cavagn,
se semm accort d'avegh di olter besogn
on poo pussee gajard de quij del sogn.

Ma sì! per dilla giusta, in quant a mì,
sto besogn savarev minga spiegall...
soo che sentiva el sangu come a buì,
che gh'aveva ona voeuja de tentall
e in l'istess temp vergogna a comparì.
Soo anch che andava in broeuda in del basall,
e soo che quand el me toccava i tett
trepillava del gust come on gallett.

Soo de giunta che, quand alla mattina
me toccava de andà a tend in Verzee
alla banca del pess della medina,
ogni bott che passass on perrucchee
o quajghedun con bianca la marsina,
me sentiva a rugà fina in di ree:
me andava insemma i onz della stadera
e el coeur l'andava a vella e el coo a stondera.

Mì el mè Pepp el vedeva de per tutt,
e semper ghe l'aveva de denanz:
mì el vedeva in ti tèmol, in di trutt,
in di micch, in la suppa, in di pittanz, ,
no gh'eva giovenott, nè beli nè brutt,
che se podess ris'cià de famm di avanz:
respondeva pesciad, desgarb e slepp,
e tutt sti coss in grazia del mè Pepp.

Nè l'è minga de dì che fin d'allora
elm'avess missa alla comunion.
On cazz! Me poden dà on cortell in gora
se mì pensava mai che in di colzon
ghe fudess dent de quella sort de bora!
A vedè come el mond l'è mai cojon! 'il!
Tucc me credeven ona gran canonega,
e seva fatta pesc che nè ona monega.

Anzi gh'hoo anmò in la ment la gran paura
che hoo avuu, quand de lì a on pezz me l'ha daa in ..
l'boo creduu on boll, ona besiadura,
on  bugnon (soeuja mì), on quaj maa de can,
e soo che m'è soltaa ai oeucc addrittura
come on s'cioppon de piang, ma lu, el giavan,
da bravo perucchee el s'è miss a rid
e a saramel pù strenc in mezz ai did.

Cristo! che sgarbiada de cervell
l'è sta a per mì quell cioll in ardion.
Poss dì ch'el m'ha daa in man minga on usell,
ma el manegh de tucc quanc i cognizion;
allora subet hoo capii tutt quell
che se daven d'intend paricc smorbion
quand lì alla banca me diseven milla
cinad sulla panscietta e sulla inguilla.

Lì emm comenzaa tutt duu de sto moment
a lavorass intoma de fadiga,
lu a fà onia possa per sonamel dent
e mì olter tant per stoppagh sù la figa.
Fors anca el sarà staa on presentiment,
ma l'ha avuu pari a sbatt, l'hoo faa stà in riga,
ghe l'hoo basa a, menaa, gh'hoo daa de tetta
ma de pondamel? ...voj! ciappa sta fetta.

Sent mò che macciavella de birbon
l'è rivaa a tirà a man per mettem sotto
L'ha comenzaa a fà el trist, el lumagon,
a fass vedè a mangià pocch o nagott.
Lu el me schivava, el fava repetton,
el sospirava come on mantes rott,
e con pù mì ghe andava per el vers
con pussee el fava el pregn, el gnucch, l'inverso.

Infin quand l'ha creduu de vess a tir
vedi ch'el mett a voI tra on cortellasc
e ch'el sbassa i cannij incontra al fir:
mì, bona a dagh a trà, fermegh el brasc,
e prepotenta e franca come on sbir,
Cossa farisset mai, dighi, pajasc?
Cossa vuj fà, el respond... mazzamm... morÌ...
fornì sta vitta... contentatt anch tì

Sanguanon! che dianzer de paroll!
m'è calaa i forz de sbalz, m'è vegnuu frecc.
Me sont pondada a lu coj brasc al coll,
e lu borlonem là a travers al lecc,
e lì in terra el cortell, in aria el cioll,
lecchem, base m, stroffignem, brascem strecc,
Ninin... tas... lassem fà... pensa nagotta...
sto fioeul d'ona vacca el me l'ha rotta.

Ona voeulta poeù rotta che l'è stada
no gh'è staa pù resguard nè pù re spett.
Via ona ciavada on'altra gran ciavada,
no se fava olter facc che quell giughett,
e se con tant piccià noI m'ha impregnada
l'è propri robba de fà fà on quadrett,
tanto pù che sti usij già hin certi ordegn
che fornissen el gioeugh con lassà pregn.

Infin per compì l'opra adess mò sent
cossa ghe solta in coo a sto porch infamm!
Giust on mes fa el ven chì, el me sara dent,
e el me dis ch'el gh'ha voeuja de ciavamm;
voo sul lecc: me le mett lì inscì on poo arent,
e poeù, paffeta, el fa per inculamm;
mì allora streng el ghicc, dagh on button,
e dighi... Ovej!... coss'hin sti pretension!

Nanca el cuu poss salvamm sangua de dì!
Malarbetto ludron, brutto pendizzi!
el cuu l'è mè, vuj fann quell che vuj mì
nè hoo besogn de cavatt de sti caprizzi.
S'avess vorsuu dall via, a st'ora chì
sarev fors mat;idada a vun d'offizzi.
Figuret mò se sont inscì cojonna
de mettem sott a tì a fà la seggionna!

Infin vedend che dura come on sass
no dava a scolt pù al piang nè al sospirà,
nè al solet sloffi de vorè mazzass,
el s'è ressolt de fammela pagà;
nè savend toeù oltra straa de vendicass
l'è andaa a cercà on poetta e el m'ha faa fà
ona dianzer d'ona bosinada
de famm fà la minee perfinna in strada.

Ecco el mè Baldissar, ecco on trattin
la reson botgironna di passion
che me deslenguen come on candirin.
Ma el pussee pesc anmò di mee magon
l'è a vedè che sta birba d'on bosin
 tra i lapp ch'el dis per mettem in canzon
el ghe ne infira voeuna, el mè car nan,
che tend ment manca che a famm perd el pan.

L'è rivaa fina a dì che gh'hoo in di oss
on morbo vecc de brusà vis l'usell!
Ma se pò dà on trattà pussee balloss,
on'azion pussee infamma e de cortell?
Pacciamm tutt, godemm tutt, e de maross
taccamm anca in l'onor, toeumm anca quell?

Questa per cristo no la poss capì:
mi impestada?.. Buffon!... dighel mò ti.

Dighel mò ti, per brio! se gh'è ona donna
pussee sana de mì in tutt quant Milan!
Te le taccarà ben lì alla Coronna
la Mora del scialI giald, ma mì, domanI
Ma ovej!... varda che aria bolgironna
l'ha ciappaa sto tò cioll!... scià... scià el mè nan...

dammel car... toeu... l'è  tova... ah dio!... ciccin!
Vegni...ve.. gni.. ghe sont...Cecca?...el cadin


Bravo il mio Baldassare! bravo il mo nino! era poi ora di venire a trovarmi... lo sai, mattacchione porco, che quasi quasi e un mese che non vieni a scoparml? Ah Cristo, Cristo! come sono fredde queste mani! Piano, piano... aspetta un momento... mi vuoi gelare, accidenti! che ghiaccio! ahi le mie tette! che bel minchione, non sono mica uno scaldaletto.
povere tette, neh? senti come sono frolle?  Ma! ho avuto una passione, guarda, in questi giorni che è stata, perdio!, il mio tracollo. E già qualcosa se sono così. Vieni qua... siediti giù un po'... è ancora molle, e poi che cos'hai da fare? è venerdì, non c'è teatro: discorriamo un poco, ché appena è pronto te la do. Guarda il mio Baldassare se si può dare un mondo più carogna, un mondo più infame! Ti ricordi d'avermi visto per casa quel giovane magro, lungo come un salame, che mi veniva a prendere per andare a ballare? che delle volte l'hai visto pettinarmi? Bene: senti adesso, questo ruffianone impicciato che tiro, figlio di una negra!, mi ha giocato. Innanzi tutto devi sapere che fino da vent'anni fa, quando sono rimasta senza la mia povera mamma, la mia zia, che adesso, jesus!, è anche lei al Gentilino, per non votanni a Santa Caterina o lascianni andare in qualche casa di quelle, mi ha tirato in casa sua e mi ha tenuto uguale a una sua figlia vera e naturale. Questa mia zia era una donna popputa, matta, allegra quanto mai si può dare; le piaceva pappare del bello e del buono e andar per le bettole a vuotar boccali: ma soprattutto la sua gran passione era quella di farsela fregare: oh, quanto a questo, niente di straordinario: diciotto in fila e fresca come un uovo. In quel tempo aveva per amante un garzone di pasticciere, forte, tracagnotto, che abitava lì nella stessa casa e all'uscio accanto. Costui mi raccontano che ci avesse sotto un pestello da mortaio vigoroso; ma basta! fosse mo' per questo biscotto o per quelli che le portava del suo mestiere, era lui, il pasticciere, che la scopava. Si ha ora da dare la combinazione che costui dovesse giusto avere anche lui un ragazzo, che è proprio quel porco fottuto che mi è costato in questi giorni tanta pena. Così, collo stare insieme tutti e due, col giocare insieme e fare quelle sciocchezze che fanno tutti i ragazzi, siamo arrivati a quella di trovarci cotti entrambi senza saperlo. Intanto per via della tresca siffatta della zia, ci facevano dormire, noialtri maramaglia, fuori dai loro piedi, nella cucina.
Là ci chiudevano all'avemaria della sera fino a quella della mattina, e là soli tra noi tutta la notte eravamo padroni di fare ogni sorta di giochi. Finché però siamo stati due passerotti, vale a dire sui dieci, undici, dodici anni, ci siamo fatti qualche carezza e qualche bacetto, e poi cascavam dal sonno come lasagne; ma quando abbiamo cominciato a sentire il solletico
in certe parti, ci siamo accorti di avere degli altri bisogni un po' più gagliardi di quelli del sonno. Ma sì! per dirla giusta, quanto a me questo bisogno non lo saprei spiegare... so che sentivo il sangue come ribollire, che avevo una gran voglia di stuzzicarlo e nello stesso tempo vergogna a darmi a vedere. So anche che andavo in broda nel baciarlo, e so che
quando mi toccava le tette tripillavo dal gusto come un galetto. So per giunta che quando, alla mattma, mi toccava di andare in Verziere a badare al banco del pesce della zia, ogni volta che passasse un parrucchiere o qualcuno con la marsina bianca, mi sentivo rimestare fino ai piedi: mi andavano insieme le once della stadera e il cuore andava a vela spiegata, la testa a spasso. lo il mio Peppo lo vedevo dappertutto e sempre l'avevo lì dinanzi: io lo vedevo nei tèmoli, nelle trote, nelle micche, nella zuppa, nelle pietanze; non c'era giovanotto né bello né brutto che si potesse arrischiare a farmi delle avances: rispondevo pedate, sgarbi, e schiaffi, e tutto questo in grazia del mio Peppo. Né è da dire che fin d'allora mi
avesse ammessa alla comunione. Un cazzo! Mi possono dare una coltellata alla gola se io mai pensavo che nei calzoni ci fosse dentro di quella sorta di toppo! E vedere come il mondo è mai coglione! Tutti mi credevano una grande sapientona ed ero insipida peggio di una monaca. Anzi ho ancora nella mente la gran paura che ho avuto quando da lì a un pezzo me
l'ha messo in mano; l'ho, creduto un bollo, un gonfiore: un bubbone (che so io), un qualche male da cani, e so che me addIrIttura saltato agli occhI come uno scoppio di pianto, ma lui lo sciocco, da bravo parrucchiere s'è messo a ridere e a serrarmelo più stretto in mezzo alle dita. Cristo, che sbrogliata di cervello è stato per me quel pirla ritto. Posso dire che mi ha dato in mano, non un uccello, ma il manico di tutte quante le cognizioni; allora a un tratto ho capito tutto quello che si davano ad intendere parecchi burloni quando lì al banco mi dicevano mille sciocchezze sulla pancetta e sull'anguilla. Lì abbiamo cominciato entrambi da questo momento ad affaticarci intorno l'uno all'altro, lui a fare tutto il possibile per suonarmelo dentro ed io altrettanto per tenergliela stoppata. Sarà stato fors'anche un presentimento, ma non gli è servito affannarsi, l'ho fatto stare in riga, gliel'ho baciato, menato, gli ho dato di tetta, ma di rifilarmelo... ohi! prendi ! Mo' sù. Senti ora che machiavellica da birbone è arrivato a tirar fuori per mettermi sotto. Ha cominciato a fare il triste, lo svogliato, a farsi
veder a mangiare poco o niente. Mi schivava, faceva lo scontroso, sospirava come un mantice rotto, e con più io gli andavo d'intorno con più faceva il sostenuto, il cupo l'imbronciato. Infine, quando ha creduto di essere a tiro, vedo che cava fuori un coltellaccio e che abbassa la gola contro il filo della lama: io, ingenua a dargli retta, va' a fermargli il braccio e, prepotente e franca come uno sbirro, «Cosa faresti mai», dico, «pagliaccio?»
«Cosa voglio fare?», risponde, «ammazzarmi... morire... finire sta vita... accontentare anche te...» Sangue di dio! che diamine di parole! mi son calate le forze di sbalzo, m'è venuto freddo. Mi sono appoggiata a lui con le braccia al collo, e lui, rotolami di traverso alletto e lì, in terra il coltello, In aria il pirla, a leccarmi, a baciarmi, a strofinarmi, ad abbracciarmi
stretto... Ninina... taci... lasciami fare... non pensare niente... questo figlio di una vacca me l'ha rotta. Una volta poi rotta che è stata, non ci furono più né riguardi né rispetti. Via una chiavata un'altra gran chiavata, non si faceva nient'altro che quel giochetto, e se con tanto picciare non mi ha  impregnata è proprio roba da ex voto, tanto più che questi uccelli, già,
sono certi ordegni che finiscono il gioco col lascIare pregne. Infine, per compiere l'opera, senti mo' adesso cosa gli salta in testa a questo porco infame! Giusto un mese fa viene qui, mi chiude dentro e mi dice che ha voglia di chiavarmi; vado sul letto: me lo mette lì un po' vicino, e poi, pàffete, fa per incularmi; io allora stringi il buco, dagli uno spintone e dico... «Ohi! Cosa sono queste pretensioni! Neanche il culo posso salvarmi sangue dei demonio! Maledetto briccone, brutto magnaccia! il culo è mio, voglio fame quel che voglio io, né ho bisogno di cavarti di questi capricci. Se avessi voluto darlo via, a quest'ora sarei forse maritata a un uomo d'ufficio. Figurati mo' se sono così cogliona da mettermi sotto a te
a fare la "comoda"!» Infine, vedendo che dura come un sasso non davo più ascolto né al piangere né al sospirare, né alla solita finta di voler ammazzarsi, si è risolto di farmela pagare; né sapendo prendere altra strada per vendicarsi è andato a cercare un poeta e mi ha fatto fare un diavolo di una bosinata da farmi gridare la baia perfino in strada. Ecco il mio
Baldassare, ecco a dir poco la ragione dannata delle passioni che mi struggono come una candelina, Ma il peggio ancora dei miei magoni è il vedere che questa birba di un bosino, tra le balle che dice per mettermi in canzone ce ne infila una, mio caro nino, che tende niente meno che a farmi perdere il pane. E fino arrivato a dire che ho nelle ossa un vecchio morbo da bruciar via l'uccello! Ma si può dare un tratto più furfante, un'azione più infame e da coltello. Papparmi tutto, godermi tutto, e per giunta attaccarmi anche nell'onore, togliermi anche quello? Questa per Cristo non la posso capire: io impestata? Buffone! diglielo mo' tu. Diglielo mo' tu, perdio! se c'è una donna più sana di me in tutta quanta Milano! Te la
attaccherà bene lì alla Corona la Mora dallo scialle giallo, ma io, domani! Ohi, però!... guarda che aria buggerona ha preso questo tuo pirla! qua... qua... il mio nino... dammelo, caro.. to' è tua.. ah dio! ninino...!  Vengo... ven...go... ci sono.. «Cecca?, il catino.»